direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Una convenzione per la raccolta, elaborazione e comunicazione dei dati relativi alla rappresentanza delle organizzazioni sindacali sui luoghi di lavoro

INPS

Siglata nei giorni scorsi dall’Inps e Confindustria, Cgil, Cisl e Uil. Già disponibili invece i dati del tasso di sindacalizzazione dei pensionati

 

ROMA – È stata siglata la convenzione tra Inps e Confindustria, Cgil, Cisl e Uil per l’attività di raccolta, elaborazione e comunicazione dei dati relativi alla rappresentanza delle organizzazioni sindacali sui luoghi di lavoro.

L’accordo prevede per i prossimi 3 anni l’elaborazione di dati e del numero di deleghe sindacali relativamente al periodo gennaio – dicembre di ogni anno.

Il presidente dell’Inps, Tito Boeri, ha affermato nel corso della conferenza stampa successiva alla sigla – a cui erano presenti anche i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, e il direttore generale di Confindustria, Marcella Panucci – che la convenzione “è un passo importante per dare stabilità al nostro sistema di relazioni industriali e alla contrattazione collettiva”. “L’Inps – ha segnalato – è già attrezzato per poter effettuare queste rilevazioni; i primi dati saranno disponibili a maggio”.

Per la prima volta, inoltre, l’Inps ha reso disponibile in questa occasione i dati del tasso di sindacalizzazione dei pensionati, distinti per età, regione, classi di importo e gestione pensionistica. L’indagine è possibile analizzando la trattenute mensili effettuate dall’Inps per conto dei sindacati cui i pensionati sono iscritti e riversate alle associazioni sindacali.

I dati evidenziano una generale tendenza ad una maggiore adesione ai sindacati dei pensionati delle fasce di età più avanzata, nelle regioni centrali (con l’importante eccezione del Lazio, che registra un 30% di tasso di sindacalizzazione dei pensionati) e meridionali e con assegni pensionistici di importo medio-basso. A gennaio 2015 risultavano iscritti ad un sindacato il 53% dei pensionati con oltre 79 anni di età, andando a decrescere fino al 35% di iscritti in chi ha meno di 65 anni. Prima regione per tasso di sindacalizzazione dei pensionati la Marche (63%), seguite da Emilia Romagna (61%), Basilicata e Umbria (57%). Grande variabilità emerge dal grafico nelle adesioni ai sindacati per gestione pensionistica. Per i dati: http://www.inps.it/bussola/VisualizzaDOC.aspx?sVirtualURL=/docallegati/News/Documents/Iscrizioni_sindacati_pensionati.pdf&iIDDalPortale=&sAltriParametri=iIDNews=TUTTI. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform