direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Umbilicus Mundi”: all’abbazia di Rambona espone Werner Stadler

MOSTRE
“Umbilicus Mundi”: all’abbazia di Rambona espone Werner Stadler
La mostra dell’artista austriaco sarà inaugurata il 10 agosto, aperta fino al 30 settembre 2013
MACERATA – Un’iniziativa con un’atmosfera speciale tra arte e misticismo quella promossa dall’assessorato al turismo e cultura del comune di Pollenza, dalla parrocchia e dall’associazione Pro-Rambona, dove alla mostra dell’artista surrealista austriaco Werner Stadler si unisce il millenario e rarefatto fascino dell’abbazia romanica alto medioevale di Rambona. Un unicum particolare che segna l’unione di un artista impegnato nella ricerca di segni e simboli, come Stadler, e l’abbazia.
Nella notte di San Lorenzo saranno dunque le opere di Stadler ad illuminare le pareti carolingie di Rambona, che già dal suo nome ha in sé tutti i segni profetici del cielo (ra-sole, bona-luna,) per far rivivere momenti estatici di pura bellezza. L’esposizione sarà inaugurata il 10 agosto, alle ore 18, e resterà aperta fino al 30 settembre 2013.
L’artista di Graz esporrà opere create appositamente per l’occasione, come il mantello di Sant’Amico, un omaggio al santo le cui spoglie riposano nella cripta e che ha dato origine alla regola a cui si ispirarono San Romualdo e i camaldolesi. La promozione di un territorio e dei suoi monumenti cosi intrisi di storia importante si evincono dal titolo che Stadler ha scelto per la sua mostra, “Umbilicus mundi”, dove il mondo viene raccontato in modo circoncentrico e a spirale, circoscritto ma illimitato, come il nome che lo stesso paese di Pollenza rappresenta. Infatti taluni lo fanno derivare dal romano “polla d’acqua”, altri come “cerchio d’oro”, sempre comunque simbolo fecondo di vita. Dalla fecondità di questa terra, circondata da colline, a cavallo tra il VIII e IX secolo sorse l’abbazia di Rambona, che altro non è che la trasposizione cristiana della divinità più antica, la dea madre.
Non è la prima volta che Werner Stadler è chiamato per l’arte sacra: importante il suo lavoro a Bagnoregio, dedicato a San Bonaventura, e ad Assisi, dedicato a San Francesco. La sua venuta a Rambona rappresenta la prima volta nelle Marche. La mostra è visitabile tutti i giorni dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 20. (Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform