direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Trasformazione digitale: consegnato al ministro Luciana Lamorgese il nuovo documento di riconoscimento elettronico ATe

MINISTERO DELL’INTERNO

Uno strumento innovativo riservato ai dipendenti dell’amministrazione per l’identificazione e l’accesso ai sistemi informativi in sicurezza

ROMA – È stato consegnato al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese il nuovo documento di riconoscimento elettronico – modello ATe – in occasione di un incontro con il Generale di Brigata Camillo Mario Luigi Sileo, il capo dipartimento per l’amministrazione generale per le politiche del personale dell’amministrazione civile e per le risorse strumentali e finanziarie Carmen Perrotta e il responsabile per la trasformazione digitale Giancarlo Verde.

Il documento elettronico, riservato ai dipendenti dell’amministrazione dell’Interno è il risultato di un progetto, avviato a novembre 2020 con la sottoscrizione di un accordo di collaborazione tra il Ministero dell’Interno e lo Stato Maggiore del Ministero della Difesa, finalizzato a dare nuovo impulso alla trasformazione organizzativa dei processi interni.

La tessera che sostituisce la precedente tessera di riconoscimento cartacea (modello AT) è un tassello fondamentale tra le iniziative messe in campo dal ministero dell’Interno in tema di trasformazione digitale.

Realizzata dall’istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, la nuova tessera di riconoscimento per i dipendenti del Viminale – di durata decennale –  è provvista di tutti gli standard di sicurezza contro la duplicazione e la contraffazione e garantisce ai titolari: l’identificazione “a vista”, senza l’ausilio di strumenti elettronici di verifica; l’autenticazione sulla rete internet per l’accesso sicuro ai sistemi informativi; l’operatività e le funzionalità della firma digitale per i documenti elettronici, a costi contenuti; la “validazione temporale certificata” per l’integrità e la non modificabilità dei documenti informatici; l’attivazione di sistemi di crittografia per la trasmissione sicura di documenti.

Si tratta – si legge nella nota del Viminale – di un documento innovativo con elevati requisiti di sicurezza in grado di gestire informazioni di carattere personale: un nuovo strumento per il lavoro altamente qualificato a disposizione dei dipendenti dell’amministrazione dell’Interno, a sostegno del procedimento di dematerializzazione che con convinzione il Ministero porta avanti. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform