direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Su We the Italians l’intervista a Richard A. DiLiberto, presidente della Delaware Commission on Italian Heritage and Culture

ITALIANI ALL’ESTERO

Fondata nel 2005, promuove i legami culturali tra italiani e italo-americani, attività economiche, politiche, sociali e artistiche dell’Italia e degli Stati Uniti e la lingua italiana nello Stato del Delaware

 

NEW YORK – Su We the Italians l’intervista di Umberto Mucci a Richard  A. DiLiberto, presidente della Delaware Commission on Italian Heritage and Culture, fondata nel 2005 per “stabilire, mantenere e sviluppare i legami culturali tra gli italiani e gli italoamericani, favorire uno speciale interesse per contesti storici e culturali di entrambi i gruppi, così come attività economiche, politiche, sociali e artistiche dell’Italia e degli Stati Uniti” e “promuovere la lingua italiana nello Stato del Delaware”.

DiLiberto segnala come la stima della popolazione di origine italiana in Delaware sia del 10%, quantificata tra i 75mila e gli 85mila cittadini. Molti connazionali, stabilitisi nella Little Italy di Wilmington, provenivano da Olevano sul Tusciano, nella provincia di Salerno – con cui è attivo un gemellaggio. Essi costruirono la più grande chiesa italiana di Wilmington, intitolata a Sant’Antonio da Padova e il cui sacerdote, padre Roberto Balducelli, arrivato dall’Italia in giovane età, è deceduto lo scorso anno all’età di 100 anni.

Altro gemellaggio attivo è quello tra Rehoboth Beach, luogo in cui approdò nel 1524 Giovanni Da Verrazzano, e la sua città natale, Greve in Chianti, in Toscana.

DiLiberto ripercorre la storia della collettività italiana nello Stato del Delaware e la potenzialità dell’area, anche in termini economici. Richiamate poi alcune figure di rilievo della comunità italo-americana, come Brian Piccolo, giocatore di football americano, cui è intitolato un premio destinato a studenti italo-americani meritevoli, o Caesar (Cesare) Rodney, che firmò per conto del Delaware la Dichiarazione di Indipendenza. Per leggere l’intervista completa: http://wetheitalians.com/component/content/article/329-umberto-mucci-s-interviews-it/27158-anche-il-delaware-il-first-state-e-italiano. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform