direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Sicilia Mondo: intervista ad Angela Marino Rotolo, presidente della “Asociación Siciliana de Jujuy”

ASSOCIAZIONI

 

CATANIA – Nel progetto di servizio, di informazione, di conoscenza e di ascolto alla comunità, riportiamo l’intervista a Angela Marino Rotolo, presidente della Asociación Siciliana de Jujuy, Argentina, fondata da Giovanni Re nel 1991 e da allora sempre aderente a Sicilia Mondo.

Di anni 76, nata a Jujuy, originaria di Corleone (Palermo). Giornalista e corrispondente, attualmente impegnata nel sociale per la comunità jujeña in favore dei poveri e delle loro necessità.

Ad Angela “Sicilia Mondo” ha rivolto alcune domande.

Come è vista la situazione italiana a Jujuy?

Anche se la vecchia emigrazione ormai è fatta di anziani, tuttavia l’Italia ma anche la Sicilia sono rimaste nel cuore  di noi vecchi emigranti, anche se siamo cittadini argentini. Tanti ricodiamo le tradizioni religiose ed il modo di vivere che gli italiani hanno portato in Argentinta. Tutti guardiamo all’Italia come una grande Nazione dove c’è storia, cultura, religione, modo di vivere elegante. In Italia tutto quello che si produce è bello. Ognuno di noi sogna di visitare l’Italia anche se le condizioni del cambio sono bruttissime.

Come vive la comunità siciliana di Jujuy?

La situazione degli italiani in Argentina è buona, siamo vari milioni di immigrati e loro discendenti. La comunità siciliana di Jujuy in genere vive bene, partecipa in tutte le attività: siamo migliaia di famiglie.

Come va l’economia argentina?

Male perché il potere di acquisto della nostra moneta è molto svalutato. Chi riceve una pensione italiana, anche minima con il cambio, sta bene. C’è molta disoccupazione, la vita è cara e tanti giovani cercano di espatriare verso l’Europa o il Nord America ma anche questo è difficile. Per fortuna tra noi siciliani c’è molta solidarietà, ci aiutiamo, in modo particolare per chi ha bisogno. In genere c’è una grande cultura dell’amicizia, della religiosità che ci proviene da quella che i vecchi emigranti hanno portato dall’Italia.

Ora al Governo c’è un Presidente di origine italiana, calabrese, e tutti puntiamo su una rivoluzione positiva contro la corruzione, la delinquenza e le furberie nelle amministrazioni pubbliche. Non ci scoraggiamo. C’è speranza per il futuro perché l’Argentina è un Paese ricco di cose naturali.

C’è ospitalità per i giovani che arrivano a Jujuy?

In Argentina e a Jujuy siamo molto ospitali, chi arriva in questa terra è ben ricevuto e si integra molto bene nella comunità, come un componente della famiglia.

La situazione economica attuale non attira i giovani italiani. Non arriva nessuno anche perché l’emigrazione italiana verso l’Argentina si è esaurita. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform