direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Resto al Sud, in Gazzetta Ufficiale il decreto che estende le agevolazioni agli under 46 e ai liberi professionisti

IMPRENDITORIA

Incentivo, gestito da Invitalia, che sostiene la nascita di nuove piccole imprese in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e aree del Centro Italia colpite dai terremoti del 2016 e 2017

La misura riguarda anche gli italiani all’estero. Ministro Provenzano: “Abbiamo voluto dare un’iniezione di fiducia al Mezzogiorno, perché le nuove generazioni devono essere libere di andare, ma devono avere anche l’opportunità di tornare o di restare nel proprio territorio”

ROMA – Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 275 del 23 novembre 2019  il decreto  che estende l’incentivo “Resto al Sud” agli under 46 e ai liberi professionisti. Il provvedimento accresce la platea dei beneficiari, spostando in avanti di dieci anni il requisito anagrafico (il precedente limite era 36 anni non compiuti) e aprendo i finanziamenti anche alle attività libero-professionali esercitate sia in forma individuale che come società di professionisti.

Resto al Sud è l’incentivo, gestito da Invitalia, che sostiene la nascita di nuove piccole imprese nelle regioni del Mezzogiorno, attraverso un contributo a fondo perduto e una parte di finanziamento bancario. Partito nel gennaio 2017, con una dotazione finanziaria di 1.250 milioni di euro, Resto al Sud ha già supportato la nascita di oltre 4.000 nuove imprese

Le agevolazioni sono rivolte a coloro che al momento della presentazione della domanda sono residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia e nelle aree del Centro Italia colpite dai terremoti del 2016 e 2017  e a coloro che trasferiscono la residenza dopo la comunicazione di esito positivo. La misura riguarda anche gli italiani all’estero : il decreto prevede, infatti, che possano presentare domanda di ammissione alle agevolazioni i soggetti che trasferiscano la  residenza  entro centoventi giorni ,se residenti all’estero, dalla comunicazione del  positivo  esito  dell’istruttoria (per i residenti in Italia i giorni sono 60). “Sono soddisfatto di vedere finalmente operativo questo decreto molto atteso” commenta il ministro per il Sud e la Coesione territoriale Giuseppe Provenzano. “Resto al sud – sottolinea il ministro – è una misura che funziona, partita nel 2017, che ha già supportato la nascita di oltre 4.000 nuove imprese. Estendendolo sia dal punto di vista anagrafico che da quello delle attività, abbiamo voluto dare un’iniezione di fiducia al Mezzogiorno, perché le nuove generazioni devono essere libere di andare, ma devono avere anche l’opportunità di tornare o di restare nel proprio territorio. È quel ‘diritto a restare’ di cui parlo dal mio insediamento, che ha bisogno di un cammino di sviluppo molto lungo, per il quale oggi, anche grazie a questo decreto, abbiamo fatto un piccolo passo avanti”.(Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform/a> | Designed by ComunicazioneInform