direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Renata Bueno sul caso Battisti, i rapporti tra Italia e Brasile e i forti contrasti del Paese sudamericano

ITALIANI ALL’ESTERO
Renata Bueno sul caso Battisti, i rapporti tra Italia e Brasile e i forti contrasti del Paese sudamericano
La parlamentare italo-brasiliana intervistata dalla testata online Formiche.net
ROMA – Renata Bueno, deputata eletta per l’Unione Sudamerica Emigrati Italiani nella ripartizione America meridionale (gruppo Misto), parla in un’intervista pubblicata sulla testata online Formiche.net del caso Battisti, dei rapporti tra Italia e Brasile e di un Paese, come quello da cui proviene, dai forti contrasti.
Sul caso Battisti, condannato dalla giustizia italiana all’ergastolo e fuggito prima in Francia e poi in Brasile, Paese che ha rifiutato all’Italia l’estradizione e da cui oggi rischia l’espulsione per falsificazione di documenti, la parlamentare interviene auspicando una rapida conclusione della vicenda. Il Brasile ha ora un’opportunità, rifiutato l’ultimo ricorso del connazionale, di lasciare che la giustizia italiana faccia il suo corso. “Il governo brasiliano ha sbagliato fin dall’inizio a non autorizzare l’estradizione in Italia – afferma la parlamentare italo-brasiliana, rilevando come spetti ora alla giustizia “assumersi le responsabilità e gli obblighi del governo”, in quella che definisce una progressiva “politicizzazione della giustizia”.
Richiamati poi i “forti legami” tra Italia e Brasile, non solo culturali e demografici – gli italiani di prima e seconda generazione in loco sono stimati in più di 20 milioni, – ma anche economici: nel 2012 l’Italia è l’ottavo fornitore su scala mondiale del Brasile e il secondo tra i Paesi europei dopo la Germania. Aumentano i flussi di investimento e le imprese italiane in Brasile (da 585 nel 2011 a 743 nel 2012), mentre lo scambio commerciale ha raggiunto un fatturato di 10,7 miliardi di dollari. Uno sviluppo potenziato anche dai grandi appuntamenti in programma, dalla Giornata mondiale della Gioventù, che si è appena conclusa, alla Coppa del mondo di Calcio nel 2014 e i Giochi Olimpici nel 2016.
Renata Bueno sottolinea la prospettiva sul futuro che spinge molte aziende ad investire nel Paese, invece che in Europa e come tuttavia questa crescita economica non si traduca immediatamente in progresso sociale. “Sanità pubblica, sicurezza e istruzione sono questioni quotidiane – afferma la Bueno, rilevando come sia indispensabile investire in servizi di qualità, per realizzare la capacità del Paese di essere vera “potenza economica della regione”. (Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform