direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Reddito di Cittadinanza: le indicazioni sul rinnovo

INPS

Una nota del Ministero del Lavoro segnala le modalità per accedere al rinnovo del beneficio

ROMA – Il Ministero del Lavoro segnala il messaggio dell’Inps – n. 3627 dell’8 ottobre – che fornisce istruzioni operative per la procedura di rinnovo del Reddito di cittadinanza.

La normativa prevede che il Reddito possa essere rinnovato previa sospensione dell’erogazione del beneficio per un periodo di un mese prima di ciascun rinnovo.

In particolare, i nuclei familiari che hanno beneficiato della prestazione senza soluzione di continuità fin dalla prima erogazione (aprile 2019), che hanno ricevuto la diciottesima mensilità e, pertanto, si trovano la domanda “terminata”, potranno – a partire dal mese di ottobre 2020 – presentare la domanda di rinnovo.

Dal mese seguente la presentazione della domanda riceveranno il beneficio per ulteriori 18 mesi sulla stessa Carta di pagamento, a condizione che i requisiti risultino rispettati.

Si evidenzia che in caso di rinnovo del beneficio, deve essere accettata, a pena di decadenza dello stesso, la prima offerta utile di lavoro congrua.

Il messaggio, inoltre, fornisce indicazioni operative relativamente al computo della completa fruizione (18 mensilità) del Reddito di cittadinanza, nel caso il periodo massimo sia raggiunto con la fruizione di due o più domande successive.

La procedura di presentazione delle domande di rinnovo è la stessa utilizzata per le prime domande. Per la presentazione delle prime e delle nuove domande, sono operativi i seguenti canali telematici: tramite Poste italiane; accedendo in via telematica, tramite SPID, al sito www.redditodicittadinanza.gov.it; presso i centri di assistenza fiscale; presso gli istituti di patronato; tramite il sito www.INPS.it, con PIN dispositivo, SPID, Carta Nazionale dei Servizi e Carta di Identità Elettronica. Si ricorda che a decorrere dal 1° ottobre 2020 l’Istituto non rilascia più PIN. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform