direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Raccolti 135 mila euro per l’emergenza profughi nel Kuridistan iracheno

SOLIDARIETÀ

Una raccolta fondi tra i lettori di Avvenire perla seconda campagna lanciata da Focsiv a sostegno di iniziative per il sostegno scolastico e ricreativo dei bambini, cesti alimentari e medicinali salvavita, interventi di potenziamento sanitario e corsi di formazione

ROMA – Si è conclusa il 31 gennaio scorso la campagna lanciata da Focsiv e Avvenire per raccogliere fondi a sostegno dei profughi del Kuridistan iracheno: 135.472 euro i fondi raccolti attraverso la risposta di 539 lettori, oltre la metà dei quali già coinvolti in una prima analoga campagna in cui si erano raggiunti oltre 370 mila euro.

Il Kurdistan iracheno ospita oggi 926.000 profughi dei quasi 3.300.000 iracheni che hanno abbandonato le proprie case, una popolazione cui le grandi agenzie internazionali non sono più in grado di assicurare sussistenza, né tantomeno il governo, che è al collasso e a stento riesce a a provvedere alla popolazione locale, anch’essa ormai ridotta in condizione di povertà estrema.

Grazie ai fondi raccolti il team di Focsiv – si legge nella nota diffusa in proposito – è in grado di assicurare il funzionamento del “Centro Speranza” creato da Federazione ad Ankawa 2, il campo dei 1000 container di Erbil, per 6 mesi: 120 bambini in età prescolare sono seguiti da 8 insegnanti competenti e appassionate che garantiscono loro sia momenti ludico-espressivi che di apprendimento e lo fanno in costante relazione con le loro famiglie che con serenità e fiducia gli affidano i propri figli; inoltre più di 150 ragazzi da 12 anni fino ai 18 sono impegnati in varie discipline sportive e 1500 partecipano alle attività di animazione che li tengono lontani dagli spazi angusti dei container, dalla violenza delle strade e dalla depressione dello sconforto e della paura. Vengono inoltre garantiti programmi di sostegno scolastico ad Aleppo, in Siria, per 60 bambini e a Beirut, a 250 bambini rifugiati siriani di età compresa tra i 6-13 anni, e assicurati per almeno 6 mesi cesti alimentari a 700 famiglie ad integrazione del loro fabbisogno e medicinali salvavita per centinaia di malati cronici (raggiungendo una cifra complessiva di circa 10.000 persone).

Oltre agli aiuti raccolti viene segnalato l’importante contributo della Cei, grazie ai fondi dell’8xMille, con cui sono state potenziate 2 strutture sanitarie della Diocesi di Erbil con strumenti di diagnostica e medicinali e che ha consentito l’avvio di numerosi corsi di formazione per giovani ed adulti.

Con l’accompagnamento dell’Università Cattolica di Milano la Focsiv ha inoltre avviato un percorso di accompagnamento di docenti e animatori, un corso per promuovere resilienza attraverso attività creativo-espressive e sportive per i bambini, un lavoro non ordinario e che richiede un’attenzione particolare, per far sì che i traumi non si trasformino, con il tempo, in patologie difficili da gestire.

Piccole e grandi azioni che aiutano tutti noi a “restare umani” dinnanzi al dolore – evidenzia la nota, – a mantenere alta l’indignazione di fronte all’ingiustizia, a esprimere compassione vera al cospetto di un dolore che dalla comoda, ancorché spaventata Europa, non si può né immaginare, né comprendere, né raccontare.

Insieme ai lettori di Avvenire, la Focsiv ringrazia per il risultato raggiunto tutti i co-promotori dell’iniziativa, nodi di una rete tenacemente tessuta per mettere in sicurezza vite umane in balia della guerra e dell’indigenza che ne deriva: ACLI, Azione Cattolica Italiana, Associazione Realmonte Onlus, AUCI, Associazione don Zilli, Banca Etica, Centro Sportivo Italiano, FMSI – Fondazione Maristi per la Solidarietà Internazionale, Fondazione Buon Pastore, International Help, Iscos, MASCI, Movimento Cristiano Lavoratori, Università Cattolica del Sacro Cuore. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform