direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Questa sera all’IIC di Amburgo “10 corti in giro per il mondo – edizione 2017”

APPUNTAMENTI

Proiezione di 10 cortometraggi italiani selezionati tra la produzione 2015-16, promossa in collaborazione con il Centro nazionale italiano del Cortometraggio

 

AMBURGO – L’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo ospita questa sera alle ore 19 l’iniziativa “10 corti in giro per il mondo – edizione 2017”, proiezione di dieci cortometraggi italiani, selezionati tra i più interessanti della produzione 2015-16, promossa in collaborazione con il Centro nazionale italiano del Cortometraggio.

Di seguito i titoli presentati: “Buffet” (2016, 18 ‘) di Alessandro D’Ambrosi e Santa de Santis, un’ironica e spietata metafora della nuova barbarie umana, ovvero l’ipocrisia, l’avidità e lo squallido individualismo che divorano e logorano il Bel Paese; “L’ultima orazione” (2016, 16 ‘) di Gustav Baldassini, una commedia nera sui temi della memoria e sui ricordi che ognuno di noi lascia dopo la morte; “Black Comedy” (2015, 15 ‘) di Luigi Pane, uno scrittore di commedie piuttosto rude e la sua giovane compagna, sia nella vita reale come nella “Commedia nera”, stanno mettendo in scena un rapporto di coppia abbattendo il muro, separando la realtà dalla finzione; “Agata” (2016, 15 ‘) di Giacomo Boeri, la vita tranquilla di Agata, una donna solitaria di 40 anni, è confusa dall’apparizione di un misterioso cilindro di metallo; “L’ultima Nicchia” (2016, 26 ‘) di Chiara Nano, che documenta la creazione della statua di “Sant’Annibale Maria Di Francia” in marmo di Carrara; “Gibberish” (2016, 12 ‘) di Nathalie Biancheri, la descrizione di incomprensioni e opportunità mancate in cui le parole si dissolvono e non raggiungono la loro destinazione; “Estinguersi” (2015, 13 ‘) di Giulio Rocca, che mostra come le persone emarginate scompaiano lentamente, mentre vedono giorno dopo giorno i loro discendenti dimenticare la propria cultura e civiltà; “Rosa” (2016, 25 ‘) di Vincenzo Caricari,la vita di tutti i giorni di Rosa in un piccolo villaggio nel sud Italia: lavora come segretaria per un medico che la sfrutta, suo suo unico punto di riferimento è la fede; “Amira” (2016, 9 ‘) di Luca Lepone, una giovane donna corre per le strade di una grande città, come impazzita; “La Viaggiatrice” (2016, 15 ‘) di Davide Vigore, storia di Hind, infermiera in casa di un’anziana signora per anni, che le farà capire il significato della giovinezza. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform