direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Punto Italia: al Piccolo Festival delle Spartenze l’intervento della curatrice del RIM-Fondazione Migrantes Delfina Licata

ITALIANI ALL’ESTERO

 

CROPALATI (COSENZA)- All’evento Punto Italia del Piccolo Festival delle Spartenze 2020, in diretta web da Santa Maria ad Gruttam moderata dal ricercatore Giuseppe Sommario, è intervenuta la curatrice del Rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes, Delfina Licata. “Questa è una maratona che ci dà entusiasmo per il nostro lavoro perché siamo innamorati del mondo della mobilità italiana. Ci piace molto questo tema della casa, che è il luogo dei valori e dei legami: quindi un luogo simbolo per rappresentare la migrazione. E’ doveroso per noi continuare nei nostri studi e nei nostri impegni nonostante la pandemia che pure ci ha dato uno scossone. Per noi il Rapporto Italiani nel Mondo è diventata una casa: la casa della mobilità italiana nel mondo che ogni anno monitoriamo”, ha spiegato Licata sottolineando come l’attività di memoria e di descrizione dell’attualità della Fondazione Migrantes si intrecci con il lavoro di organi istituzionali quali il Cgie. “Dobbiamo superare l’idea dei ‘cervelli in fuga’ e cercare di non parlare più in questi termini, ossia trovare nuove parole e più adatte a descrivere il fenomeno: anche la recente Notte dei Ricercatori del Festival ha lanciato questo segnale. I quattro ricercatori intervenuti in quella serata hanno dimostrato che occorre parlare di ‘talenti’ e di dedizione da parte di giovani italiani, diventati all’estero degli adulti responsabili che guardano all’Italia essendo presenti anche da lontano. Per luogo di partenza spesso parliamo dei piccoli borghi perché le radici non vengono spezzate ma si allungano nella mobilità interna e in quella fuori dai confini”, ha aggiunto Licata ricordando l’impegno profuso in questi anni dal ricercatore Riccardo Giumelli dell’Università di Verona e da Marina Gabrieli di Raìz Italiana, oltre a quello naturalmente dell’Associazione AsSud: un lavoro che ha portato alla realizzazione della ricerca ‘Scoprirsi italiani, i viaggi delle radici in Italia’ (con questionario in sei lingue) che ha avuto il patrocinio del Maeci. La ricerca rientra tra gli strumenti di lavoro del neonato Osservatorio sulle Radici Italiane, fortemente voluto dal ricercatore Giuseppe Sommario. La ricerca vuole superare le lacune conoscitive sul turismo delle radici, dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo. (Simone Sperduto/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform