direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Prima riunione dei Deputies finanze e banche centrali G20: al centro la ripresa economica verde e digitale

MEF

ROMA – Prima riunione dei Deputies dei Ministri delle finanze e dei Governatori delle banche centrali per discutere e approvare il piano di lavoro per il 2021: all’incontro, svoltosi in modalità virtuale, hanno partecipato gli alti funzionari del filone finanziario (Finance Track) G20, insieme ai rappresentanti dei paesi ospiti e delle organizzazioni Internazionali.

Visti i pesanti effetti della pandemia di Covid-19 sulle attività economiche globali, la ripresa economica sarà al centro dell’agenda G20.

Durante l’ultimo Summit G20, svoltosi a novembre 2020, i leader globali concordarono di proseguire con azioni rapide e collettive, per riportare l’economia globale su un binario di crescita. L’inizio del 2021 è carico di speranze per un ritorno alla normalità. Tuttavia, la pandemia ha messo in luce le profonde vulnerabilità di cui già soffriva l’economia prima dello scoppio della crisi. Osservando le tendenze economiche, sono in molti a chiedersi se tornare alla normalità sia sufficiente per guidare l’economia mondiale fuori dalla crisi e conseguire l’obiettivo di creare società più sostenibili e inclusive.

Nel 2020, mentre le attività economiche subivano i pesanti effetti delle misure di contenimento della pandemia, il diffuso impiego di nuove tecnologie permise di contenere le interruzioni delle filiere di approvvigionamento in molti settori di consumo. La crisi ha mostrato come la trasformazione digitale possa essere la forza trainante della ripresa economica, favorendo la crescita produttiva post-Covid-19.

Tale dibattito è ora al centro del filone finanziario della Presidenza italiana G20 e l’incontro Deputies è iniziato con una discussione sulla trasformazione digitale, ispirato dall’intervento di Erik Brynjolfsson, Professore Jerry Yang and Akiko Yamazak all’Università di Stanford e direttore dello Stanford Digital Economy Lab.

Le priorità della Presidenza italiana G20 si sviluppano attorno a 3 pilastri principali: Persone, Pianeta e Prosperità. Le 3P rappresentano le basi per lo sviluppo di una crescita economica forte, sostenibile, bilanciata e inclusiva.

Persone, per la presidenza italiana G20 significa garantire opportunità condivise sia all’interno dei paesi che tra loro. L’azione politica dovrà quindi garantire che tutte le persone, tutti i settori produttivi e tutti i paesi possano beneficiare degli effetti della trasformazione digitale.

Allo stesso tempo, per garantire una crescita economica sostenibile e inclusiva è necessario prendere in considerazione l’attuale crisi ambientale. Pianeta significa facilitare la transizione verso un’economia più verde e sostenibile. La ripresa, stimolata dalla digitalizzazione deve svilupparsi attraverso soluzioni tecnologiche in grado di accrescere il benessere e, contemporaneamente, ridurre al minimo l’impatto che queste tecnologie possono avere sull’ambiente nel medio-lungo periodo.

Prosperità implica crescita economica. I membri dei Paesi G20 hanno deciso di lavorare insieme per meglio comprendere le differenze in termini di produttività nelle economie G20, identificando i fattori utili a sostenerla e facilitare la costruzione di un quadro normativo di riferimento.

Incremento della produttività, crescita economica e benessere devono essere funzionali al miglioramento delle qualità di vita delle persone, attraverso misure volte a maggiore inclusione sociale e sviluppo di competenze. La digitalizzazione deve diventare un’opportunità per tutti e spetta ai leader globali affrontare le sfide socio economiche che possono emergere in società future innovative e digitali.

Un altro tema in agenda nella riunione Deputies erano le priorità e i programmi dei Gruppi di Lavoro (Working Group) del filone finanziario.

Il Gruppo di Lavoro Framework (FWG – Framework Working Group – il Gruppo ha avuto il suo primo incontro il 12 gennaio 2021), si concentrerà sulle sfide politiche connesse alla ripresa economica. Al tempo stesso, il Gruppo si occuperà delle annose sfide globali quali il cambiamento climatico e la lotta alle disuguaglianze. Il FWG esaminerà il ventaglio di soluzioni normative necessarie per fornire supporto nell’emergenza, rafforzando al tempo stesso la produttività attraverso le possibilità offerte dalla trasformazione digitale. Nel 2021, il FWG si occuperà inoltre di rafforzare la sua azione di monitoraggio dei rischi al sistema economico globale al fine di migliorare la resilienza e mitigare l’impatto di minacce future.

Il Gruppo di Lavoro sull’Architettura del Sistema Finanziario Internazionale (IFA WG – International Financial Architecture Working Group – l’IFA WG ha iniziato le sue attività il 17 dicembre 2021) continuerà la sua azione di monitoraggio dell’iniziativa per la sospensione di pagamenti sui debiti, (una moratoria per la temporanea sospensione del debito meglio conosciuta come Debt Service Suspension Initiative – DSSI) e discuterà una sua ulteriore potenziale estensione, al fine di garantire liquidità economica ai paesi più vulnerabili.

Il Gruppo si occuperà di monitorare il Framework Comune per il trattamento del debito, oltre al DSSI. Uno strumento che permetterebbe ai paesi a basso reddito di rinegoziare il proprio debito rendendolo più sostenibile. L’analisi di iniziative mirate al miglioramento della trasparenza sul debito sia per i paesi creditori che debitori sarà un ulteriore tema nell’agenda IFA. Sempre il Gruppo IFA, si occuperà di valutare i bisogni finanziari nel medio termine per i paesi a basso reddito, esplorando soluzioni innovative per sostenerle e, contemporaneamente per rafforzare il coordinamento tra i partner della cooperazione allo sviluppo.

Infine, lo stesso Gruppo concentrerà la sua attenzione su soluzioni per rafforzare la resilienza finanziaria del sistema economico internazionale, attraverso una migliore gestione dei rischi che emergono dalla volatilità dei flussi finanziari nei mercati di capitali locali e attraverso un’effettiva applicazione della rete di tutela finanziaria globale, il Global Financial Safety Net (GFSN).

La crisi Covd-19 ha avuto effetti distruttivi sia su molte reti infrastrutturali (trasporti, energia, sistema idrico) che su infrastrutture sociali (sanità, istruzione). Il Gruppo di lavoro Infrastrutture (IWG Infrastructure Working Group – il IWG si è già incontrato il 14 dicembre 2020) proseguirà nel suo lavoro di promozione di investimenti in infrastrutture di qualità. Durante la Presidenza Italiana G20, il IWG lavorerà per definire una risposta trasformativa alla crisi, concentrando la sua azione su quattro. pilastri: resilienza e manutenzione, infrastruttura digitale. Infrastrutture sostenibili e inclusione sociale.

Durante le riunioni dei Gruppi di Lavoro in programma per il 2021 verranno discussi e approfonditi i temi sopra menzionati. Il lavoro dei Gruppi convoglierà nelle quattro riunioni dei Ministri delle Finanze e dei Governatori delle Banche Centrali previste durante la Presidenza Italiana, per poi andare a comporre l’agenda del vertice dei Capi di Stato e di Governo dei Paesi appartenenti al G20 che si terrà a Roma il 30-31 ottobre 2021. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform