direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Prima edizione del “Premio Italia Radici nel Mondo”  per racconti inediti

ITALIANI ALL’ESTERO

Concorso letterario promosso dal John Fante Festival “Il dio di mio padre” e dal Piccolo Festival delle Spartenze nell’ambito delle iniziative della Farnesina per il “2024 Anno delle radici italiane nel mondo”

Tema: “le mie radici plurime”. Possono partecipare autori oriundi italiani e italiani residenti all’estero . Chiusura del bando: 31 maggio

 

TORRICELLA PELIGNA (Chieti) – Il John Fante Festival “Il dio di mio padre” e il Piccolo Festival delle Spartenze. Migrazioni e Cultura, bandiscono la I edizione del concorso letterario internazionale “Premio Italia Radici nel Mondo”, per racconti inediti dal tema “le mie radici plurime”, rivolto agli autori e autrici oriundi/oriunde italiani/italiane, nonché agli italiani e alle italiane residenti all’estero. Il Premio Italia Radici nel Mondo 2024 è organizzato dal Comune di Torricella Peligna, nell’ambito delle iniziative del MAECI “2024 – Anno delle radici italiane nel mondo”, ed è un’attività culturale che si inserisce all’interno della XIX edizione del John Fante Festival “Il dio di mio padre”, in collaborazione con il Piccolo Festival delle Spartenze. Migrazioni e Cultura, con il contributo della Fondazione Pescarabruzzo, dell’Associazione Assud e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Ideato da Giovanna Di Lello e Giuseppe Sommario, il Premio nasce dalla volontà dei due Festival di instaurare una collaborazione stabile e sistematica tesa ad ampliare, in Italia e all’Estero, la discussione sui temi e sui valori da sempre affrontati nelle due manifestazioni, che riguardano l’emigrazione italiana e le sue infinite declinazioni, l’italianità, il legame fra le comunità dei restati e quelle degli spartiti, i tratti identitari, le identità mobili, le radici che le due comunità condividono. Radici molteplici, multisituate, plurime, che non sono ferme in/ad un luogo o in/ad un tempo. Il Premio non vuole essere celebrativo, o quantomeno non solo celebrativo, ma intende contribuire alla discussione sulla nostra storia migrante, arricchendola di nuovi contenuti, scrivendo nuove pagine, inaugurando una nuova narrazione, una nuova stagione nei rapporti fra l’Italia, gli italiani, e gli oriundi italiani sparsi in tutto il mondo. Come afferma il linguista Raffaele Simoni, da un lato, le prime generazioni di emigranti italiani “pur avendo lasciato il paese da molto tempo hanno conservato molti meccanismi generativi dell’italiano”; dall’altro, le generazioni successive (II, III, IV) sono protagoniste «di una ripresa non accidentale di interesse e di “lealtà” verso la lingua [e la cultura] delle origini». Date tali premesse, si è pensato che un concorso letterario in lingua italiana fosse il modo migliore per omaggiare gli italiani nel mondo e i valori legati alle radici italiane di cui sono portatori sani.

Premio Italia Radici nel Mondo 2024 – I Edizione

Il John Fante Festival “Il dio di mio padre” e il Piccolo Festival delle Spartenze Migrazioni e Culturabandiscono la I edizione del concorso letterario internazionale PREMIO ITALIA RADICI NEL MONDO per racconti inediti, rivolto ad autori/autrici oriundi/e e a italiani/e residenti all’estero.

Il tema dell’edizione 2024 è: Le mie radici plurime.

Il Premio Italia Radici nel Mondo 2024 è organizzato dal Comune di Torricella Peligna, nell’ambito delle iniziative del MAECI “2024 – Anno delle radici italiane nel mondo”, ed è un’attività culturale che si inserisce all’interno della XIX edizione del John Fante Festival “Il dio di mio padre”, in collaborazione con il Piccolo Festival delle Spartenze. Migrazioni e Cultura, con il contributo della Fondazione Pescarabruzzo, dell’Associazione AsSud e del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Ideato da Giovanna Di Lello e Giuseppe Sommario, il Premio nasce dalla volontà dei due Festival di instaurare una collaborazione stabile e sistematica, tesa ad ampliare, in Italia e all’Estero, la discussione sui temi e sui valori da sempre affrontati nelle due manifestazioni, che riguardano l’emigrazione italiana e le sue infinite declinazioni, l’italianità, il legame fra le comunità dei restati e quelle degli spartiti, i tratti identitari, le identità mobili, le radici che le due comunità condividono. Radici molteplici, multisituate, plurime, che non sono ferme in/ad un luogo, in/ad un tempo.

Il Premio non vuole essere celebrativo, o quantomeno non solo celebrativo, ma intende contribuire alla discussione sulla nostra storia migrante, arricchendola di nuovi contenuti, scrivendo nuove pagine, inaugurando una nuova narrazione, una nuova stagione nei rapporti fra l’Italia, gli italiani, e gli oriundi italiani sparsi in tutto il mondo.

Come afferma il linguista Raffaele Simoni, da un lato, le prime generazioni di emigranti italiani «pur avendo lasciato il paese da molto tempo hanno conservato molti meccanismi generativi dell’italiano»; dall’altro, le generazioni successive (II, III, IV) sono protagoniste «di una ripresa non accidentale di interesse e di “lealtà” verso la lingua [e la cultura] delle origini». Date tali premesse, si è pensato che un concorso letterario in lingua italiana fosse il modo migliore per omaggiare gli italiani nel mondo e i valori legati alle radici italiane di cui sono portatori sani.

PREMIO ITALIA RADICI NEL MONDO 2024 – Racconto le mie radici plurime

Concorso letterario internazionale per racconti inediti, rivolto agli autori e alle autrici oriundi/oriunde italiani/italiane, e agli italiani e alle italiane residenti all’estero.

Il tema dell’edizione 2024: Le mie radici plurime.

Il racconto inedito: in lingua italiana, o in altre lingue con traduzione in italiano.

Lunghezza: tra le 10.000 e le 20.000 battute, spazi inclusi.

Giuria

La giuria è composta dagli ideatori del premio, Giovanna Di Lello e Giuseppe Sommario, da personalità del mondo editoriale, scrittori/scrittrici ed esperti di emigrazione.

Il presidente della giuria dell’edizione 2024 è l’antropologo Vito Teti.

Scadenze

Chiusura bando: 31 maggio.

Annuncio semifinalisti: 8-11 agosto, nell’ambito del Piccolo Festival delle Spartenze.

Annuncio vincitore/vincitrice: 22-25 agosto, nell’ambito del John Fante Festival.

Cerimonia di premiazione: in autunno in una sede istituzionale (in via di definizione).

Premi

All’autore/autrice dell’opera vincitrice andrà un premio in denaro di Euro 1.000 (mille).

A tutte le opere finaliste sarà garantita la pubblicazione.

Di seguito il Bando integrale

PREMIO ITALIA RADICI NEL MONDO 2024 – I edizione

Racconto le mie radici plurime

REGOLAMENTO

Art. 1 – Il John Fante Festival “Il dio di mio padre” e il Piccolo Festival delle Spartenze. Migrazioni e Cultura bandiscono la I edizione del concorso letterario internazionale PREMIO ITALIA RADICI NEL MONDO 2024 per racconti inediti, riservato ad autori/autrici oriundi/e o italiani/e residenti all’estero. Per la prima edizione il tema è: le mie radici plurime.

Art. 2 – Si concorre inviando un racconto inedito scritto in lingua italiana, o tradotto in lingua italiana. Se tradotto, va menzionato il nome del traduttore/traduttrice. L’autore/autrice deve essere in possesso dei diritti sull’opera presentata.

Art. 3 – La lunghezza del racconto deve essere compresa tra le 10.000 e le 20.000 battute, spazi inclusi, pena l’esclusione. Il racconto deve essere scritto in carattere Times New Roman, in corpo 12, di colore nero su pagina bianca, con interlinea singola e con allineamento giustificato, pena l’esclusione. I formati ammessi per il file del testo sono doc, docx, odt e pages.

Art. 4 – La prima pagina del dattiloscritto del racconto deve essere il frontespizio in cui inserire il nome e cognome dell’autore/autrice, il titolo dell’opera, il luogo e la data di nascita dell’autore/autrice, l’indirizzo di residenza dell’autore/autrice, l’indirizzo e-mail e numero di telefono dell’autore/autrice, l’eventuale nome del traduttore/traduttrice.

Art. 5 – Qualora intervengano pubblicazioni o premiazioni dopo l’invio del racconto, è necessario darne tempestiva comunicazione alla segreteria. La pubblicazione del manoscritto in gara − o di altro eventuale testo di narrativa − successivamente all’iscrizione comporta l’automatica decadenza dal concorso.

Art. 6 – La giuria è composta dagli ideatori del premio, da personalità del mondo editoriale, scrittori/scrittrici ed esperti di emigrazione. Il presidente della giuria è l’antropologo Vito Teti.

Art. 7 – Nella prima fase, la Giuria selezionerà dieci (10) opere semifinaliste, nella seconda fase, verranno designate tre (3) opere finaliste e, nella fase conclusiva, verrà annunciata l’opera vincitrice.

La Giuria si riserva, inoltre, di non assegnare i premi, ovvero di assegnare premi speciali.

Il suo giudizio è insindacabile.

Art. 8 – Le dieci (10) opere semifinaliste saranno annunciate i primi di agosto 2024, durante il Piccolo Festival delle Spartenze; mentre, i tre (3) finalisti saranno resi noti fra il 22 e il 25 agosto, nell’ambito del John Fante Festival “Il dio di mio padre”.

L’opera vincitrice verrà, invece, premiata nell’autunno/inverno 2024 durante un evento speciale in Parlamento dedicato al Premio Italia Radici nel Mondo.

Art. 9 – All’autore/autrice dell’opera vincitrice andrà un premio in denaro di euro 1.000.

Art.10 – A tutte le opere finaliste sarà garantita la pubblicazione. I racconti saranno raccolti in un volume pubblicato da una casa editrice nazionale.

I diritti delle opere restano di proprietà dei rispettivi autori/autrici. Tuttavia, gli autori/autrici dei racconti finalisti pubblicati in seguito in altri volumi si dovranno impegnare con gli editori a far comparire sulla quarta di copertina e/o su un’apposita fascetta la loro provenienza dal Premio.

Art. 11 – Per partecipare al Premio si dovranno inviare in segreteria, all’indirizzo e-mail premioitaliaradicinelmondo@gmail.com i seguenti documenti:

–  il dattiloscritto del racconto in lingua italiana con cui si intende partecipare (preferibilmente doc e docx, ma anche odt e pages). In caso di un racconto tradotto, inviare anche la versione originale.

– il modulo di iscrizione, compilato in tutte le sue parti e firmato (formato pdf)

– la scansione della carta di identità o passaporto (formato pdf)

Il materiale deve essere inviato alla segreteria del premio entro e non oltre la mezzanotte del 31 maggio 2024 (ora italiana), pena l’esclusione

Art. 12 – La partecipazione alla cerimonia di premiazione è condizione essenziale per l’assegnazione del premio.

Art. 13 – I nomi del vincitore/vincitrice, dei finalisti/e del Premio saranno resi noti tramite comunicato stampa e sul sito del John Fante Festival e del Piccolo Festival delle Spartenze.

Art. 14 – La partecipazione al Premio comporta l’accettazione di tutti gli articoli contenuti nel presente bando.

Art. 15 – Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 679/2016 informiamo che i dati personali dei quali il Premio Italia Radici nel Mondo entrerà in possesso saranno usati solo per quanto attiene il Premio stesso, nel rispetto della normativa sopra richiamata e conformemente agli obblighi di riservatezza cui, sempre si atterrà il Premio. I dati raccolti non verranno in alcun caso comunicati o diffusi a terzi per finalità diverse da quelle del concorso.

Per ulteriori informazioni contattare la segreteria del Premio al seguente indirizzo mail: premioitaliaradicinelmondo@gmail.com. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform