direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Presentata la Carta delle Donne della Regione Lazio

OTTO MARZO

Un insieme di provvedimenti, dalla salute al lavoro, all’impegno contro la violenza e la premiazione del fumetto vincitore del concorso contro la violenza di genere

 

ROMA – Un insieme di provvedimenti, dalla salute al lavoro, all’impegno contro la violenza. Gli investimenti, tra le altre cose, serviranno per rinnovare i reparti maternità, per aprire nuove strutture contro la violenza, tutelare quelle esistenti, e assumere nuovo personale nei consultori, come assistenti sociali e psicologi. ConForza 8” prosegue l’impegno della Regione al fianco dell’imprenditoria femminile: il Lazio, tra l’altro, è una delle regioni con le percentuali più alte della media nazionale per quanto riguarda l’apertura di nuove imprese femminili.

In occasione dell’8 marzo, inoltre, il presidente Nicola Zingaretti ha presentato i vincitori del concorso con cui la Regione ha invitato le ragazze e i ragazzi delle scuole superiori del Lazio a realizzare un fumetto contro la violenza sulle donne. L’iniziativa, rivolta a tutte le scuole superiori della Regione, ha come obiettivo proprio quello di sensibilizzare gli studenti sul tema della violenza sulle donne. Il fumetto, infatti, è un linguaggio immediato che permette di veicolare messaggi importanti. I lavori dei ragazzi sono stati valutati da una commissione di esperti che ha selezionato i dieci migliori fumetti, ora raccolti in un volume distribuito in occasione della Giornata delle donne. Il vincitore ha ricevuto come premio un tablet.

“Sono gli studenti e le studentesse del Lazio – ha spiegato Zingaretti – a scrivere le storie contro la violenza sulle donne; le prime dieci su oltre cento bozzetti sono diventate un volume di fumetti. Storie drammatiche, ma anche storie di grande voglia di riscatto. Quello che colpisce è che siano tutte storie che parlano di violenza domestica. Un segnale che conferma, però, una grande maturità e che stimola ad intervenire ancora di più per rompere il silenzio e difendere le persone”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform