direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Pre-COP26, intervento del Ministro degli Esteri Di Maio: “Questo sia l’anno si svolta sui cambiamenti climatici”

EVENTI

 

(fonte immagine – Camera dei Deputati)

ROMA – Il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, è intervenuto alla conferenza Pre-COP26 parlando della gravità della situazione dei cambiamenti climatici e degli effetti negativi dell’azione dell’uomo sul clima. “Non possiamo usare la tecnologia e ignorare la scienza, come ci insegna il Nobel Parisi. Ora dobbiamo mutare rotta nella lotta al cambiamento climatico che non tiene conto dei confini tra Stati”, ha esordito Di Maio esprimendo soddisfazione per il rientro di Washington negli accordi di Parigi e per la ratifica dei medesimi accordi da parte della Turchia. “Il contributo dei giovani è fondamentale in eventi come la Youth4Climate: qui i giovani reclamano un maggior coinvolgimento ponendo l’accento su temi come un turismo internazionale responsabile e sull’abbandono dei combustibili fossili”, ha aggiunto Di Maio menzionando un altro evento importante come la Innovation League che promuoverà la cooperazione pubblico-privato e le capacità imprenditoriali dei giovani. “Questo sia un anno di svolta sul clima. L’Agenda G20 sull’energia pulita ci spinge a non lasciare dietro nessuno. I Paesi G20 hanno una responsabilità particolare”, ha precisato il Ministro degli Esteri ricordando la riunione del 23 luglio scorso a Napoli in materia di energia e clima, ponendo l’accento sull’accelerazione verso una transizione ecologica rivolta alle energie rinnovabili. Di Maio ha parlato di opportunità derivanti da innovazioni tecnologiche e creazione di città intelligenti e resilienti. “Dobbiamo guardare con motivata fiducia al vertice G20 di Roma e al vertice di Glasgow. La transizione verde sarà tanto più efficace quanto più gli impegni saranno accolti nelle sedi multilaterali. L’Italia sta lavorando per garantire il successo dei negoziati ad ogni livello: bisogna trasformare la minaccia climatica in opportunità, come fatto per la pandemia”, ha evidenziato Di Maio menzionando lo strumento del ‘Green New Deal’ europeo, che punta alla neutralità climatica entro il 2030, e lo strumento offerto dai 750 miliardi di euro del ‘New Generation EU’. “Non tutti i Paesi hanno le possibilità economiche quindi serve una mobilitazione verso i Paesi a basso reddito: questo deve essere al centro della COP26”, ha puntualizzato Di Maio ricordando i 100 miliardi di dollari da impiegare entro il 2025 a sostegno dell’azione climatica dei Paesi in via di sviluppo. “L’Africa è responsabile solo del 3% nelle emissioni globali eppure subisce gli impatti più forti di questa crisi”, ha sottolineato Di Maio ricordando l’appuntamento della X Conferenza Italia America-Latina del 25-26 ottobre a Roma. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform