direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Per le Acli il soccorso umanitario non va in deroga

ASSOCIAZIONI

ROMA – Il 7 aprile, attraverso un decreto firmato da quattro ministri, il nostro Paese ha dichiarato che l’Italia non è più un porto sicuro. E ciò avviene proprio mentre l’unica nave attualmente attiva – la Alan Kurdi della ong tedesca Sea Eye – con a bordo 150 persone salvate al largo della Libia, chiede a Malta e Italia un porto di sbarco. Nel Decreto, infatti, si afferma che a causa del Covid19 non può essere garantita alcuna sicurezza ai migranti che vengono soccorsi al largo della Libia, da dove le persone continuano a fuggire a bordo di imbarcazioni precarie.

Nella realtà dei fatti – osserva Antonio Russo, consigliere presidenza Acli con delega all’immigrazione -, a causa della pandemia, nessun porto d’Europa è sicuro e si rischia, qualora una sola persona salvata o un membro dell’equipaggio dovesse risultare positivo al virus, di creare un focolaio in mare, sommando tragedia a tragedia. Per le Acli, l’aiuto umanitario non ha deroghe, ecco perché ha firmato l’appello del Tavolo Asilo – di cui fa parte – che chiede di non sospendere, per nessun motivo, il diritto sovranazionale di soccorso in mare. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform