direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Parere favorevole della Commissione Esteri sul disegno di legge recante misure urgenti connesse all’emergenza da Covid-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali

CAMERA DEI DEPUTATI

 

Positivo il giudizio sulle misure per l’export e l’internazionalizzazione, ma si chiede di valutare l’opportunità di una revisione dell’attuale sistema di copertura assicurativa del personale in servizio o in missione all’estero e il potenziamento della sicurezza di uffici e personale

 

ROMA – La Commissione Esteri della Camera dei deputati ha approvato un parere favorevole con due osservazioni sul disegno di legge di conversione del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, recante misure urgenti connesse all’emergenza da Covid-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali.

La Commissione in particolare valuta positivamente le disposizioni recanti “misure urgenti di sostegno all’export e all’internazionalizzazione delle imprese, attraverso l’incremento per il 2021, rispettivamente, di 1,2 miliardi di euro e di 400 milioni di euro del Fondo ex lege 394/981 e del Fondo per la promozione integrata verso i mercati esteri (FPI)”, e “la rimodulazione della percentuale massima dei cofinanziamenti a fondo perduto da parte del FPI, al fine di scongiurare, nel breve periodo, una nuova sospensione in via di urgenza della loro operatività ed assicurarne, nel medio e lungo periodo, maggiore efficacia ed efficienza e sostenibilità dal punto di vista finanziario”.

Valutata positivamente anche la norma che “istituisce nello stato di previsione del Ministero dell’Economia e delle finanze un fondo, con una dotazione di 500 milioni di euro per l’anno 2021, per finanziare la partecipazione dell’Italia alle iniziative multilaterali finalizzate, in primo luogo, alla prevenzione, preparazione e risposta alle pandemie e al contrasto al Covid-19 e, in secondo luogo, a sostenere l’azione per il clima nei Paesi in via di sviluppo, come previsto dagli Accordi di Parigi del 2015”. Il parere richiama inoltre l’opportunità della norma che disciplina l’organizzazione e il funzionamento della Scuola europea di Brindisi, “essenziale per assicurare la formazione ed istruzione dei figli del personale internazionale impiegato presso la Base logistica delle Nazioni Unite”.

La Commissione segnala poi la necessità e urgenza di “una revisione dell’attuale sistema di copertura assicurativa del personale in servizio o in missione all’estero e dei loro familiari a carico e conviventi contro rischi sanitari e quelli connessi ad atti violenti o catastrofi” e di un rafforzamento degli apparati di sicurezza preposti alla tutela di un numero significativo di sedi estere situate in zone ad alto rischio, in cui appare del tutto insufficiente, la presenza di personale dell’Arma dei Carabinieri con funzioni di scorta e di tutela, visto l’aggravarsi del quadro geopolitico globale.

Le osservazioni riguardano quindi “l’opportunità di prevedere l’inserimento nel provvedimento di norme per l’adeguamento dell’attuale sistema di copertura assicurativa del personale in servizio o in missione all’estero contro rischi sanitari e quelli connessi ad atti violenti o catastrofi” e per il potenziamento della sicurezza degli uffici e del personale all’estero, incrementando le risorse per l’invio di personale dell’Arma dei Carabinieri a tutela delle sedi estere, soprattutto di quelle situate in zone ad alto rischio. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform