direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Parere favorevole della Commissione Esteri sul decreto legge di riordino delle attribuzioni dei Ministeri

CAMERA DEI DEPUTATI

 

Ricordata l’importanza del turismo delle radici da cui in futuro potranno tornare a derivare significativi flussi economici in entrata

 

ROMA – La Commissione Esteri della Camera dei Deputati ha espresso parere favore sulla conversione del decreto-legge 1° marzo 2021, n. 22, recante disposizioni urgenti in materia di riordino delle attribuzioni dei Ministeri.

Nel corso del dibattito il relatore Riccardo Olgiati (M5S) ha anche menzionato la tematica del turismo delle radici “Una parte significativa – ha rilevato Olgiati – di un settore strategico dell’economia italiana che interessa potenzialmente tra i 60 e gli 80 milioni di italodiscendenti. Basti pensare che nel 2018, certamente ben prima del dilagare della pandemia, l’ENIT ha inserito in questa categoria 10 milioni di viaggiatori che hanno generato flussi economici in entrata pari a circa 4 miliardi di euro, il 7,5 per cento in più rispetto all’anno precedente. Le considerazioni del relatore sono state riprese nella parte conclusiva del parere approvato dalla Commissione  in cui si richiama l’importanza del turismo delle radici, “la cui competenza resterebbe attribuita al Maeci, quale settore strategico dell’economia italiana da cui in futuro potranno tornare a derivare significativi flussi economici in entrata, una volta superata la crisi pandemica”. Nel parere si ricorda inoltre come siano stati trasferiti al Ministero della Transizione ecologica “le funzioni e i compiti spettanti allo Stato relativi allo sviluppo sostenibile, anche in materia di attuazione e gestione della Convenzione di Washington (CITES) e dei relativi regolamenti europei, nonché di rapporti con organizzazioni internazionali e rapporti con l’Unione europea nel settore dell’energia, ferme restando le competenze del Presidente del Consiglio dei Ministri e del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale”.  Nel parere viene anche rilevato “il ruolo centrale che il Ministero della Transizione ecologica assumerà nell’attuazione dei principi cardine e nel perseguimento degli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite”. In questo ambito “sarà da tenere di volta in volta nella adeguata considerazione il ruolo del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale quale Amministrazione dello Stato titolata alla gestione dei negoziati internazionali anche sulle questioni di rilievo ambientale, come nel caso della COP26”. Nel testo viene infine posto in evidenza come il provvedimento “definendo le attribuzioni del nuovo Ministero del Turismo, gli assegni, tra le altre, competenze in materia di relazioni con l’Unione europea e internazionali nel settore del turismo, fatte salve le competenze del Ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform