direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ohio: si legge NOIA, ma da vent’anni non è così

ASSOCIAZIONI

Attivo da 20 anni North Ohio Italian American

 

CLEVELAND – North Ohio Italian American, e l’acronimo si legge NOIA. Ma da vent’anni rappresenta esattamente il contrario di quello che significa quel nome, scrive “Gente d’Italia” nel numero del 12 dicembre. Tutto è cominciato nel 1995, quando un gruppo di businessmen italoamericani si riunirono per cercare di trovare il modo migliore per mantenere le tradizioni italiane e al tempo stesso aiutare la comunità di Cleveland. Ecco allora che quel gruppo diede vita al NOIA. “È iniziato tutto con poche persone – racconta Angela Spitaleri, direttrice esecutiva della fondazione – che si sono messe assieme per raccogliere del denaro da offrire agli altri”. Oggi, vent’anni dopo quel giorno, il NOIA ha una base di 212 membri con una sede nella Little Italy di Cleveland. Uno zoccolo duro di componenti che lavora per la comunità incessantemente, 365 giorni l’anno, per raccogliere denaro per quelle cause in cui credono. Nel ventennio di vita della organizzazione, che ha celebrato il proprio anniversario, è stato donato oltre un milione di dollari, e a beneficiarne sono state anche alcune parrocchie ‘italiane’ della città, da St. Rocco, poi Holy Redeemer, Our Lady of Mt. Carmel e Holy Rosary.

Una delle azioni più recente del NOIA è stata quella di istituire borse di studio per 200.000 dollari per la Padua High School, istituto di Parma, città non lontana da Cleveland. Un modo per attirare studenti italo-americani che altrimenti non avrebbero potuto ottenere una educazione cattolica. La borsa di studio prevede, per gli studenti che ne abbiano i requisiti, 5.000 dollari, rinnovabili anno dopo anno. Tra i punti essenziali ci deve essere anche l’iscrizione a un corso di lingua italiana, partecipare al club Italian Heritage e anche essere attivi nei servizi di volontariato. Una maniera – conclude “Gente d’Italia” – per mantenere attiva anche la tradizione. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform