direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Odoguardi : “Bene incontro Borghese-Occhiuto, nuove importanti iniziative in arrivo”

MOVIMENTI POLITICI

 

“La numerosa presenza di cittadini calabresi che vivono all’estero e la necessità di operare per favorire gli scambi culturali, turistici e commerciali con l’Italia e in particolare con la Calabria” è stata al centro del colloquio che il senatore del Maie Mario Borghese (circoscrizione Estero-ripartizione America Meridionale) ha avuto  con il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto. E’ stato “un incontro molto proficuo e approfondito” spiega Borghese, che ringrazia Occhiuto “per l’ospitalità”. “Il presidente – informa il Borghese – ha lanciato l’idea di svolgere a stretto giro due missioni, accompagnato da alcuni sindaci calabresi, in Argentina ed Australia che sono i Paesi con una maggiore presenza di calabresi. Lo scopo è quello di avere incontri con le autorità locali per far sì che si possa operare per migliorare i rapporti bilaterali di cooperazione e favorire scambi con le comunità di calabresi, tra cui si annoverano nei diversi settori vere eccellenze che vanno rivalutate e arricchite”. “Ho apprezzato l’idea del governatore Occhiuto al quale ho assicurato tutta la mia collaborazione per raggiungere gli scopi prefissati”, conclude il senatore Borghese. Per Vincenzo Odoguardi, vicepresidente del Maie, l’incontro tra Borghese e Occhiuto “ha un grande valore simbolico, oltre che essere l’inizio di una stretta collaborazione tra il Movimento Associativo Italiani all’Estero e la Regione Calabria”. “La Calabria – prosegue Odoguardi – è la regione italiana da cui è partito il maggior numero di emigrati, nel primo e nel secondo dopoguerra. Proprio per questo sono tantissimi i calabresi nel mondo.Le associazioni calabresi all’estero sono da sempre – sottolinea – punto di ritrovo e di riferimento per i tanti emigrati: in Argentina, in Australia, in Germania, per esempio, ma anche nella ripartizione del Nord e Centro America.  I profumi e i valori, ma anche le difficoltà di quella terra, hanno insegnato ai calabresi cosa vogliono dire parole come lavoro, sacrificio, forza di volontà, determinazione e caparbietà.

La specificità del territorio, che si affaccia su due mari inebriando degli intensi profumi del Mediterraneo le coste e le colline fino a raggiungere l’Aspromonte, è diventata negli anni – evidenzia ancora Odoguardi – un marchio di fabbrica per le aziende più prolifiche. Cedro, zagara e bergamotto le essenze più conosciute; piantagioni di ciliegi e uliveti; secolari boschi di nocciole e castagne; orti famigliari che custodiscono i segreti di una cucina locale ricca di aromi e di sapori antichi abilmente conservati. Tutto della Calabria è scoperta e riscoperta, una magia che il fenomeno della fata Morgana preserva e ripete a dimostrazione della sua unicità”. Odoguardi annuncia  che “proprio partendo dall’incontro tra il sen. Borghese e il governatore Occhiuto, come Maie Nord e Centro America stiamo valutando iniziative sul territorio dedicate ai tanti calabresi che vivono in questa zona del mondo, negli Usa e in Canada in particolare, anche con la creazione di nuove associazioni a livello locale che possano promuovere tutto ciò che è made in Calabria e pensando soprattutto al Turismo delle Radici, iniziativa che porteremo avanti con la Regione Calabria per fare in modo – conclude – che i discendenti dei nostri emigrati calabresi possano conoscere, visitare, riscoprire i luoghi delle proprie origini”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform