direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Nove proposte di ricerca da progetto Friuli Venezia Giulia- Massachusetts Institute of technology

COOPERAZIONE SCIENTIFICA

Missione in Usa della presidente della Regione  Debora  Serracchiani

 

 

NEW YORK – Nove proposte di progetti di ricerca già presentate e ora al vaglio del Comitato scientifico del Mit sono il prodotto dell’accordo di cooperazione triennale tra la Regione, il sistema universitario del Friuli Venezia Giulia e il Massachusetts Institute of technology (Mit) di Boston firmato lo scorso giugno e frutto dell’iniziativa della presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani negli Stati Uniti.

L’esito del memorandum d’intesa nel campo della ricerca scientifica è stato reso noto oggi dalla stessa presidente della Regione a New York, nel corso della missione istituzionale in corso in questi giorni negli Usa.

“La Commissione scientifica del progetto Fvg-Mit – ha riferito Serracchiani – ha a disposizione nove progetti che spaziano nei campi più avanzati della ricerca scientifica, dalla meccanica quantistica all’informatica, dall’ingegneria elettronica alle nanotecnologie. Le proposte provengono dalle Università di Udine e di Trieste e dalla Sissa e la loro selezione entra ora nella fase conclusiva”.

L’avvio di una collaborazione specifica nel campo della ricerca scientifica e tecnologica tra Friuli Venezia Giulia e Stati Uniti si deve alla missione della presidente della Regione autonoma negli Usa di maggio 2016, cui era seguita la prima edizione dell’Innovation Forum Fvg-Usa a luglio dello stesso anno e la seconda edizione in questo mese di novembre.

“La prima missione e il Forum hanno avviato un corso nuovo e istituito una linea di collaborazione continua e sistemica di cui cogliamo i risultati effettivi. Le proposte progettuali che provengono dalle università della nostra regione – ha rilevato Serracchiani – contribuiranno a sviluppare sia reti di mobilità di conoscenza sia fonti di progresso tecnologico e d’innovazione di cui è destinato ad alimentarsi il livello più avanzato dell’Industria 4.0”. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform