direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Mur, Università, aumentano le ragazze immatricolate: il 12 per cento in più negli ultimi 5 anni

MINISTERO DELLA RICERCA

 

ROMA – Più iscritte all’università e più laureate. È la fotografia scattata dal focus “Le carriere femminili in ambito accademico” del Ministero dell’Università e della Ricerca. L’analisi statistica è elaborata sui dati dell’anno accademico 2022-2023. Sono sempre più le ragazze che dopo il diploma scelgono di continuare gli studi con l’università: delle oltre 330mila nuove immatricolazioni totali le donne sono più della metà (il 55,6%). Rispetto all’anno accademico precedente sono quasi mille in più le donne immatricolate; negli ultimi 5 anni il numero delle immatricolate ha registrato un aumento del 12%. Tra i laureati le donne sono il 57,3%. Le discipline preferite? L’area “Humanities and the Arts” è sempre in testa alle scelte (78,6%) delle studentesse. In ambito STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics), la percentuale delle donne che in Italia sceglie queste discipline risulta pari al 39,2%. Un dato che è ben superiore alla media europea che si aggira attorno al 33,6%. Sempre in ambito STEM, la percentuale delle donne che consegue il dottorato di ricerca in Italia supera il 42%, un valore maggiore di oltre 5 punti percentuali rispetto alla media europea che è del 37% circa. Il divario di genere si allarga gradualmente all’interno delle carriere accademiche. Dei 76.741 docenti e ricercatori le donne rappresentano complessivamente il 41,6%. E aumenta al raggiungimento dell’apice della carriera: tra i professori ordinari si contano 37 donne ogni 100 uomini. In questi giorni prosegue sulle reti RAI la campagna di comunicazione istituzionale del Ministero dell’Università e della Ricerca e delle allieve e degli allievi dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico” di Roma per sensibilizzare sul contrasto alla violenza di genere. La campagna è stata lanciata sulle reti RAI in occasione della Festa della donna. “Se fa male non è amore”: è lo slogan del breve video interpretato dai giovani attori della ‘Silvio d’Amico’. Un video che vuole essere un invito a cogliere in tempo i segnali di quella violenza che può anche arrivare alle conseguenze più estreme. Un messaggio che il teatro – e l’arte più in generale – riesce a trasmettere con efficacia e incisività. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform