direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Mons. Perego: Il Papa ricorda gli operai cinesi morti a Prato e questo ci richiama alla necessità di un maggior impegno sulla sicurezza sui luoghi di lavoro

FONDAZIONE MIGRANTES

 

 

FIRENZE – “Il rispetto, l’accoglienza, l’inclusione, l’integrazione”. Queste, per il Direttore generale della Fondazione Migrantes, le quattro parole “chiave” sul piano educativo indicati questa mattina da Papa Francesco nel suo discorso alla città di Prato. Il ricordo dei sette lavoratori cinesi morti nel rogo di un capannone il 2 dicembre di due anni fa proprio in questa città dove vive una comunità cinese molto numerosa è stata – aggiunge il sacerdote presente a Firenze per partecipare al Convegno ecclesiale della Chiesa Italiana – “l’occasione per Papa Francesco per richiamare ancora una volta il rispetto dei diritti dei lavoratori soprattutto migranti, che troppo spesso ancora oggi sono violati. In particolare il ricordo degli operai morti ci richiama alla necessità di un maggior impegno sulla sicurezza sui luoghi di lavoro”. A Prato, in una città con oltre 35mila immigrati provenienti da oltre 100 Paesi del mondo, queste parole – spiega mons. Perego – assumono ancora di più un valore per costruire dialogo e incontro tra i residenti e coloro che arrivano”. L’impegno della Migrantes a Prato – ricorda il Direttore Generale – passa attraverso l’azione, in particolare, delle suore cinesi che seguono i malati e le famiglie più bisognose nel quartiere cinese di Prato e attraverso il Centro pastorale per i cinesi realizzato con i fondi della CEI alcuni anni fa e da alcuni mesi curato da una comunità francescana composta da religiosi italiani e cinesi. (Raffaele Iaria-Migrantes online, 10 novembre/Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform