direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Ministero dell’Interno: Sbarcati in Italia 35.085 migranti, 73 per cento necessita di protezione internazionale

IMMIGRAZIONE

Ministero dell’Interno: Sbarcati in Italia 35.085 migranti, 73 per cento necessita di protezione internazionale

Consiglio Italiano per i Rifugiati: Prevedere modalità di ingresso protetto

 

ROMA – “Al 14 ottobre sono sbarcati  in Italia 35.085 migranti, di cui 9.805 siriani, 8.443 eritrei, 3.140 somali, 1.058 maliani, 879 afgani. Di queste il 73% del totale degli arrivati, circa 24mila persone, necessitano quindi protezione internazionale. Per quanto riguarda i porti di provenienza 21.027 vengono dalla Libia, 8.159 Egitto, 1.825 dalla Turchia, 1.650 dalla Grecia e 1.480 dalla Siria”. I dati sono stati forniti dal prefetto Riccardo Compagnucci, capo dipartimento vicario Dipartimento delle Libertà Civili e Immigrazione del Ministero dell’Interno, in occasione della presentazione, oggi a Roma, del rapporto  “Access to protection: a human right” elaborato dal Consiglio Italiano per i Rifugiati e finanziato dal Network of European Foundation nell’ambito del Programma europeo per l’integrazione e la migrazione.

 Il prefetto Compagnucci ha anche sottolineato come 25.000 migranti siano stati tratti in salvo grazie a operazioni di soccorso in mare da parte delle autorità italiane. 

Christopher Hein, direttore del Cir, nel corso dell’incontro ha sottolineato una “nota positiva”: “Dopo la sentenza Hirsi non risultano più respingimenti fatti dalle autorità italiane in alto mare. Vogliamo solamente sperare – ha detto Hein  – che l’operazione Mare Nostrum che parte oggi, così come l’auspicato rafforzamento di Frontex, abbia regole di ingaggio chiare, che rispettino l’obiettivo annunciato da Letta, configurandosi esclusivamente come operazioni di soccorso e salvataggio”. Per il Cir “tutti i migranti che verranno intercettati dovranno essere portati in un luogo sicuro . La Libia, paese di partenza per molti dei migranti che arrivano in Italia, non può essere assolutamente considerata tale. Le condizioni di vita per migranti e rifugiati sono inaccettabili, vengono sottoposti a sistematiche violazioni dei loro diritti fondamentali e detenuti per periodi di tempo indefiniti in condizioni inumane”. “Dobbiamo prevedere – ha detto ancora Hein – modalità di ingresso protetto, come la possibilità di richiedere asilo presso le Ambasciate e i Consolati, il  rilascio di visti umanitari temporanei e il reinsediamento per rifugiati: i dati parlano chiaro la maggior parte di chi cerca di arrivare in Italia e che muore nel Mediterraneo necessita protezione. Dobbiamo assolutamente cercare vie alternative di ingresso per permettere loro di arrivare in maniera sicura in un posto sicuro”.

In Italia non si arriva solamente attraverso gli sbarchi, molti i migranti che arrivano sulle coste dell’Adriatico nelle navi commerciali provenienti dalla Grecia, nascosti nelle stive e nei camion. Secondo i dati del Ministero dell’Interno nel 2012 presso gli scali marittimi adriatici di Ancona, Bari, Brindisi e Venezia sono stati identificati circa 1.809 stranieri irregolari provenienti dalla Grecia, di cui: 691 presso il porto di Ancona, 662 a Bari, 173 a Brindisi, e 283 a Venezia. Del numero totale di migranti rintracciati presso i porti adriatici, 1.646 sono stati rinviati in Grecia, più del 90%. Sempre secondo i dati del Ministero dell’Interno, nel 2013 si è registrata una diminuzione del numero dei migranti irregolari provenienti dalla Grecia e rintracciati presso i valichi adriatici: infatti, nei primi 6 mesi del 2013 sono state identificate in condizione di irregolarità 619 stranieri provenienti dalla Grecia via mare, di cui: 214 presso il porto di Ancona, 135 a Bari, 178 a Brindisi e 92 a Venezia. Rispetto alle riammissioni i rinvii verso la Grecia continuano ad essere estremamente significativi: al porto di Brindisi su 178 migranti arrivati dal 1 gennaio al 30 giugno 2013, 173 sono stati rinviati in Grecia; ad Ancona su 214 persone178 sono state riammesse; a Bari su 135 sono state riammesse 107 persone; mentre a Venezia su 92 arrivi sono state riammesse 71 persone. I dati degli stranieri riammessi verso la Grecia rispetto a quelli in arrivo ai porti dell’Adriatico e rintracciati su navi commerciali potrebbero essere “sfalzati”: potrebbero infatti includere anche persone intercettate sul territorio e rinviate in Grecia.(Inform)
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform