direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Migrar. Storie di emigrazione di gente di montagna”

ASSOCIAZIONI

Ciclo di incontri online organizzati dall’Associazione Bellunesi nel Mondo

 

 BELLUNO  – “Migrar. Storie di emigrazione di gente di montagna”: è il titolo del ciclo di incontri online organizzati dall’Associazione Bellunesi nel Mondo, con il supporto della Biblioteca delle migrazioni “Dino Buzzati”, del  Centro studi sulle Migrazioni “Aletheia” e di Radio Abm.

Tre gli appuntamenti, a cura della storica Luciana Palla, che saranno trasmessi in diretta dal canale YouTube dell’Associazione Bellunesi nel Mondo (www.youtube.com/user/bellunesinelmondo).

Il primo, in programma per venerdì 12 marzo, alle ore 18.00 (ora locale italiana), riguarda “Storie di donne nelle Dolomiti tra Ottocento e Novecento”: protagonista sarà la figura femminile, ora assurta al ruolo di eroina ladina come Caterina Lanz durante le guerre napoleoniche, oppure grande imprenditrice turistica in Val di Fassa agli inizi del Novecento come Maria Piaz, infine donne profughe dalle zone del fronte durante la prima guerra, e da ultimo storie di emigranti con le loro vite sofferte.

Il secondo incontro, che si terrà venerdì 16 aprile, ripercorre “La vita straordinaria dell’alpinista fassano Tita Piaz” (1879-1948), il “diavolo delle Dolomiti” che rivoluzionò il ruolo di guida alpina e il modo di scalare le montagne. Fu però anche protagonista di primo piano nella vita politica dell’epoca, amico di Cesare Battisti, socialista e irredentista, poi antifascista e antinazista. Sul piano economico fu un antesignano dello sviluppo turistico di tipo moderno, facendo della montagna già agli inizi del novecento una risorsa di vita per la comunità dolomitica della Val di Fassa.

Il terzo incontro, programmato per venerdì 14 maggio, “Quando ad emigrare eravamo noi”, riguarda il tema dell’emigrazione in particolare dai comuni di Colle Santa Lucia, Livinallongo e Rocca Pietore nell’Alto Agordino ,nella prima metà del Novecento. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform