direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Messaggio di inizio anno ai connazionali dell’ambasciatore d’Italia in Romania, Alfredo Durante Mangoni

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE

 

BUCAREST – Nel suo messaggio rivolto ai connazionali per l’avvio del nuovo anno l’ambasciatore d’Italia in Romania, Alfredo Durante Mangoni formula un sintetico bilancio delle attività svolte nel 2021, per dare conto del lavoro dell’Ambasciata e annunciare alcuni progetti per il futuro.

“Nel 2021 l’andamento della pandemia Covid-19 in Romania ci ha posto di fronte ad uno scenario in continua evoluzione. Abbiamo dovuto adottare, da un lato, modalità lavorative flessibili, con turnazioni, quarantene e lavoro a distanza; dall’altro abbiamo visto un aumento della domanda di servizi consolari. Malgrado le ricorrenti ondate del contagio, l’Ambasciata e in particolare l’Ufficio Consolare – segnala l’Ambasciatore – sono rimasti sempre aperti e funzionanti, garantendo assistenza ai connazionali residenti o in transito”.

“I servizi agli italiani all’estero hanno segnato un netto incremento nell’anno trascorso – sottolinea Mangoni, riferendosi in particolare alle pratiche di rilascio o rinnovo del passaporto e all’emissione delle carte d’identità, “più che raddoppiate rispetto al 2020”. Snellite anche le pratiche relative alle patenti di guida e alle dichiarazioni di valore, e introdotta la possibilità di versare la percezione consolare con pagamento elettronico.

L’Ambasciatore ringrazia dunque “tutto il personale dell’Ambasciata e della sezione consolare per l’impegno e il servizio generoso ai concittadini”. “Un aspetto di rilievo – prosegue Mangoni – riguarda l’avvenuta costituzione, per la prima volta in Romania, di un Comites, l’associazione che rappresenta gli italiani residenti nel Paese. La partecipazione al voto è stata forse al di sotto del potenziale ma credo che il Comites – che si sta dotando di un programma di attività e di un bilancio – saprà farsi meglio conoscere ed allargare la propria rappresentatività. A loro va un grande in bocca al lupo”.

L’Ambasciatore ricorda poi che l’Istituto di Cultura “ha attraversato un periodo difficile alla ricerca della stabilità”. “Il 2021 si è chiuso tuttavia con una nota molto incoraggiante con la nomina di una nuova Direttrice che assumerà le sue funzioni in primavera. Anche l’Università di Bucarest potrà contare a breve su una nuova lettrice di italiano madrelingua – segnala Mangoni.

Egli richiama poi la gestione dell’emergenza sanitaria, e l’impegno profuso nell’offrire un’informazione puntuale e tempestiva sulle misure sanitarie via via adottate dalle autorità romene; “in alcuni casi – ricorda – siamo intervenuti, con l’aiuto dei Consoli onorari sul territorio, per assicurare che connazionali residenti o di passaggio colpiti dal contagio, anche non vaccinati, potessero contare sulle cure da parte delle strutture sanitarie locali”. Richiamata anche la donazione da parte dell’Italia di circa 5mila dosi di anticorpi monoclonali per il trattamento di pazienti Covid in Romania e le cure prestate ad alcuni pazienti romeni in ospedali italiani.

“Segnalo in particolare – prosegue l’Ambasciatore – l’iniziativa dell’Ambasciata di far dialogare i Commissari straordinari per le campagne di vaccinazione in Italia e in Romania, in modo da favorire un approfondito confronto sui modelli organizzativi della campagna vaccinale nei due Paesi. Intendiamo promuovere nelle prossime settimane un analogo incontro tra i responsabili delle campagne di comunicazione istituzionale per la vaccinazione promosse dai rispettivi Governi”.

Mangoni si sofferma inoltre sull’impegno per offrire “al Governo e all’opinione pubblica romena un’immagine dell’Italia non stereotipata, affidabile e al passo coi tempi”; a questo proposito “la presenza sui canali social rappresentano una grande risorsa e un’opportunità anche per l’azione diplomatica e consolare”.

“L’anno che si è aperto resta gravato dalle incognite legate alla pandemia. Il 2022 – annuncia Mangoni -vedrà il rilancio del dialogo politico tra la Romania e l’Italia, a partire dal rinnovo del partenariato strategico fra i due Paesi e dal contributo delle imprese italiane alla realizzazione del PNRR romeno. Stiamo lavorando inoltre ad iniziative nel campo della cultura e dello stile di vita italiano, come in quelli della sostenibilità e della legalità, per dimostrare le capacità creative e innovative del sistema Italia in un mondo ed una società, anche qui in Romania, in rapida trasformazione. Abbiamo poi in programma alcune visite nei principali capoluoghi romeni e agli insediamenti produttivi di imprese italiane. Stiamo inoltre lavorando al trasferimento dell’Ambasciata in una nuova sede, che contiamo di finalizzare entro quest’anno”.

Nel suo augurio ai connazionali, l’Ambasciatore sottolinea di voler affrontare i prossimi mesi, “nonostante le prevedibili difficoltà”, “con rinnovato vigore, entusiasmo, senso di immaginazione e impegno”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform