direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Le iniziative di Medici con l’Africa Cuamm per la lotta all’Aids in Africa

COOPERAZIONE E SVILUPPO

Domani, 1° dicembre, la Giornata mondiale contro la malattia. Iniziative di rafforzamento del sistema sanitario e di sensibilizzazione nel Continente in cui il problema dell’Aids è più che mai attuale

 

PADOVA – Medici con l’Africa Cuamm consacrerà la Giornata mondiale contro l’Aids, il 1° dicembre, al rafforzamento del sistema sanitario in Africa, a partire dall’organizzazione di una serie di iniziative di sensibilizzazione nel Continente in cui il problema della malattia è più che mai attuale.

A Beira, in Mozambico, una grande marcia porterà in strada migliaia di persone, tra cui anche tutti gli operatori del Cuamm e i gruppi supportati; ma anche nelle diverse sedi di progetto sparse per il continente, dalle città ai piccoli centri di salute come quello di Bugisi, in Tanzania, sono previsti momenti di festa, incontro e sensibilizzazione – si legge nella nota diffusa in proposito da Medici con l’Africa Cuamm, che ricorda come “per combattere l’Aids in Africa resta molto da fare e c’è bisogno dell’impegno di tutti”.

Nel corso del 2015, infatti, sono oltre 15.700 le persone messe in trattamento antiretrovirale da Medici con l’Africa Cuamm, che da sempre si impegna nella lotta contro l’Hiv/Aids. Era il 1985 quando, nel corso della conferenza dei medici tanzani a Tosamaganga, un team di medici italiani e tanzani del Cuamm, per la prima volta, parlava di Aids in Africa, portando all’attenzione della comunità scientifica casi osservati nell’ospedale di Bukoba, sempre in Tanzania. A distanza di oltre trent’anni – rileva la nota – molte persone in Africa ancora non sono consapevoli dei rischi che corrono o di quello che possono fare per evitare il contagio. Troppo spesso i pazienti abbandonano le cure perché scoraggiati, emarginati o privi di mezzi. È a queste persone che Medici con l’Africa Cuamm vuole rivolgersi, per garantire loro il diritto alle cure.

“Nei 7 paesi dell’Africa sub-sahariana in cui operiamo – spiega don Dante Carraro, direttore di Medici con l’Africa Cuamm – lottiamo contro l’Hiv/Aids intervenendo sul rinforzo del sistema sanitario locale, a tutti i livelli: dalla promozione del test, all’erogazione del trattamento, fino all’assistenza psico-sociale delle persone sieropositive. Puntiamo su interventi chiave, come la prevenzione della trasmissione madre-figlio, la prevenzione tra gli adolescenti e lo sviluppo di procedure coerenti con le nuove linee guida del test & treat”.

Tra i principali progetti portati avanti dal Cuamm nei diversi Paesi di intervento, il diritto al trattamento per tutti (test & treat) in Tanzania, la rete capillare istituita in Mozambico, con particolare attenzione ai giovani, la prevenzione della trasmissione madre-figlio in Uganda, l’impegno trasversale in Africa e in Italia. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform