direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Le elezioni americane viste con gli occhi degli emigrati italiani

STAMPA ITALIANA PER L’ESTERO

Dal “Messaggero di sant’Antonio” edizione italiana per l’estero, ottobre 2016

PADOVA – Attualità e sostegno ai nostri emigrati tra i temi sviluppati nel numero di ottobre dell’edizione per l’estero del «Messaggero di sant’Antonio».

Tutti gli occhi del mondo sono puntati sull’America che sta per eleggere il nuovo presidente e su una campagna elettorale che è tra le più anomale della storia federale d’oltreoceano. Nell’articolo «Elezioni presidenziali. Clinton o Trump?» Liliana Rosano chiede a Stefano Vaccara, direttore del giornale italiano on line «La Voce di New York», corrispondente dall’Onu per Radio Radicale e docente al Lehman College della Cuny, come voterà la comunità italiana residente in America. L’articolo si sofferma anche su come cambierà lo scenario americano e geopolitico con la vittoria dell’uno o dell’altro candidato.

«Gioventù Siciliana in Cooperativa» è il nome di una nuova associazione – nonché il titolo dell’articolo di Germano Spagnolo – nata a Sydney, in Australia, per aiutare i giovani italiani emigrati che si trovassero in difficoltà. A fondarla Marco Testa, giovane originario di Cefalù nel Palermitano. A dispetto del nome, non si tratta di una realtà economica imprenditoriale, bensì di un gruppo di sostegno concreto, prima di tutto umano, ma anche finanziario. E in pochi mesi di attività sono molte le iniziative realizzate per i nuovi arrivati.

Vive a Bruxelles e si chiama Dario Dominin (35 anni), il fondatore di «Italiani nel mondo», uno dei gruppi Facebook più seguiti dai connazionali all’estero, con oltre 17 mila utenti iscritti. Nell’articolo «Fb, una casa virtuale» di Claudio Zerbetto, il giovane originario di Torino si sofferma sulle opportunità e sulle grandi difficoltà che comporta il vivere in un altro Paese. «Perché la vita all’estero può essere dura se non ti senti persone vicine – racconta –. Il gruppo vuole essere come una famiglia allargata, dove scambiare idee, informazioni ed emozioni». (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform