direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’Aula di Palazzo Madama approva il provvedimento di ratifica ed esecuzione dell’accordo tra l’Italia e il Tribunale unificato dei brevetti

SENATO DELLA REPUBBLICA

 

ROMA – L’Aula del Senato ha approvato all’unanimità il provvedimento di ratifica ed esecuzione dell’accordo di sede tra Italia e Tribunale unificato dei brevetti. Il testo era stato illustrato all’Assemblea del relatore facente funzioni Roberto Menia (FdI) che ha anzitutto ricordato come l’accordo sia stato sottoscritto a Roma lo scorso 26 gennaio 2024. “Noterete che questa ratifica arriva in maniera molto veloce. La sollecita presentazione di questo disegno di legge per la ratifica risponde all’esigenza nazionale di voler palesare in modo esplicito la volontà del nostro Paese di rafforzare la collaborazione con il Tribunale dei brevetti, garantendo l’immediata operatività sul territorio della nuova sede milanese. L’ovvio presupposto è che l’apertura di tali uffici rappresenti un passo importante a favore della protezione della proprietà industriale e per la promozione della crescita delle imprese italiane nell’intero sistema Paese”, ha rilevato Menia sottolineando che l’obiettivo dell’accordo stesso sia quello di disciplinare le misure necessarie a garantire l’insediamento e il buon funzionamento degli uffici di Milano. Il testo si compone di venti articoli e riconosce anzitutto la personalità giuridica del TUB e in particolare la sua capacità di concludere contratti, acquistare beni mobili o immobili e stare eventualmente in giudizio. Si dispone inoltre l’inviolabilità dei locali stabilendo dunque che nessuna pubblica autorità italiana possa avere accesso ai locali senza il consenso del Presidente della Corte di primo grado o persona da questo delegata. Si riconosce al Tribunale e alle sue proprietà, ovunque esse siano ubicate, le immunità da procedimenti legali e da provvedimenti di coercizione amministrativa o giudiziaria. È facoltà del Tribunale esporre la propria bandiera e il proprio emblema nei locali o sui mezzi di trasporto dallo stesso utilizzati in attività ufficiali, così come nei documenti di vario tipo. Il Tribunale unificato dei brevetti viene esentato, così come le sue proprietà, dalle imposte dirette dovute secondo le leggi e i regolamenti italiani, ivi compresa l’imposta sul valore aggiunto, per acquisti di rilevante importo nei limiti dell’esercizio delle proprie attività ufficiali. Il testo disciplina inoltre la responsabilità internazionale del Tribunale derivante dalle attività sul territorio italiano, compresa quella derivante da qualunque atto o omissione da parte di rappresentanti, del personale e di qualsiasi altra persona impiegata dal TUB nell’esercizio delle proprie funzioni. A proposito degli oneri economici dell’accordo, essi sono così valutati: relativamente al 2024 in 845.000 euro annui; con riferimento a ciascuno degli anni dal 2025 al 2026, in 385.000 euro annui; per il 2027 e il 2028 in 285.000 euro annui e in 170.000 euro annui a decorrere dal 2029. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform