direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Laptops for Ukraine: nuova iniziativa per raccogliere dispositivi tecnologici per scuole, ospedali e servizi pubblici ucraini

COMMISSIONE EUROPEA

 

BRUXELLES – Laptops for Ukraine: è la nuova iniziativa che la Commissione Ue –  insieme al Ministero ucraino della Trasformazione digitale e a DigitalEurope (organizzazione europea che rappresenta il settore della tecnologia digitale) – sta avviando con l’obiettivo di raccogliere e distribuire computer portatili, smartphone e tablet per rispondere ai bisogni fondamentali di scuole, ospedali e pubbliche amministrazioni delle regioni ucraine più colpite dalla guerra.

Le autorità ucraine hanno indicato la necessità urgente di computer portatili. Circa 70.000 insegnanti ne hanno bisogno per continuare a svolgere il proprio lavoro e 5 000 scuole nelle regioni colpite dalla guerra necessitano di dispositivi digitali per garantire la continuità di apprendimento di 200 000 studenti. Sono necessari molti altri dispositivi in diversi settori, in particolare per infermieri, medici e pubblica amministrazione.

Le imprese possono effettuare donazioni più ingenti direttamente tramite il meccanismo di protezione civile dell’UE. Per le donazioni più contenute, le organizzazioni, le aziende e i cittadini con sede in Belgio possono donare dispositivi tramite DigitalEurope. Le donazioni possono includere computer portatili, smartphone e tablet funzionanti, nuovi o usati, che non vengono adoperati in casa o in ufficio. Gli organizzatori stanno cercando di ampliare l’iniziativa includendo altri centri di raccolta in tutta Europa.

La Commissione sta collaborando con i partner industriali per ricevere donazioni tramite la nuova iniziativa, oltre che per raccogliere e fornire altre apparecchiature tecnologiche nell’ambito di EUTech4Ukraine. La Commissione faciliterà anche la raccolta di dispositivi all’interno delle istituzioni dell’UE.

I dispositivi saranno raccolti e spediti in Ucraina, nei luoghi in cui sono più necessari, grazie al meccanismo di protezione civile dell’UE, che permetterà anche di inviare le donazioni delle aziende private. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform