direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

L’Ambasciatore Lo Cascio alla riunione dei Paesi Quint con il Primo Ministro serbo Brnabic

RETE DIPLOMATICA

BELGRADO – Il Primo Ministro della Repubblica di Serbia, Ana Brnabic, ha parlato con gli Ambasciatori dei Paesi Quint e il capo della Delegazione dell’Unione europea sulla continuazione dell’attuazione delle riforme sul percorso della Serbia verso l’adesione all’Unione Europea. Brnabic ha confermato che la piena adesione all’Ue rimane la priorità fondamentale della politica estera della Serbia, sottolineando che le riforme nel settore dello stato di diritto sono al centro dell’attenzione del Governo serbo. Ha sottolineato che la Serbia è sinceramente impegnata nell’attuazione di riforme radicali nel campo della magistratura, nella lotta alla corruzione, nel rafforzamento delle istituzioni indipendenti e nella libertà dei media, e ha aggiunto che nella pratica molto è già stato fatto. Brnabic ha informato gli Ambasciatori Quint e il capo della Delegazione dell’Ue sulle misure concrete che il Governo serbo ha adottato finora in materia dello stato di diritto e ha sottolineato l’ulteriore attuazione delle raccomandazioni del Greco. È stata adottata e trasmessa al Parlamento un’iniziativa per emendare la Costituzione, sono stati eletti nuovi membri del Consiglio dei procuratori di Stato e sono in corso lavori per istituire un sistema di gestione dei casi unificato e centralizzato. Sono in corso lavori per rafforzare ulteriormente la cooperazione con organismi e istituzioni indipendenti, nonché per migliorare le condizioni elettorali, tra l’altro istituendo un gruppo di lavoro per migliorare le condizioni elettorali. Brnabic ha aggiunto che, quando si tratta di libertà dei media, il Governo ha adottato un piano d’azione per l’attuazione della strategia sui media e ha formato un gruppo di lavoro per la sicurezza dei giornalisti. Gli Ambasciatori dei Paesi Quint hanno accolto con favore le misure attuate dal Governo serbo, valutando che si trattava di passi incoraggianti nella giusta direzione e che rappresentano la base per accelerare il processo di adesione. Brnabic ha espresso l’aspettativa che le riforme in corso di attuazione vengano riconosciute e adeguatamente valutate e che nel 2021 i negoziati di adesione con la Serbia saranno accelerati. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform