direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La senatrice di Italia Viva Laura Garavini (eletta nella ripartizione Europa) è intervenuta in Aula sul dibattito relativo alle risoluzioni sul Meccanismo europeo di stabilità (MES)

ELETTI  CIRCOSCRIZIONE ESTERO

 

 

ROMA – “Non votiamo solo la riforma del Mes ma decidiamo se siamo un Paese affidabile che dà seguito agli impegni assunti o se invece siamo solo dei parolai che non tengono fede alla parola data e mettono in discussione l’Europa; quell’Europa che ci sta aiutando a risolvere e a risollevarci dalla crisi da Covid e sta per metterci a disposizione la bellezza di 82 miliardi di euro a fondo perduto e 127 miliardi di euro in prestito. Sono soldi veri, il valore di dieci manovre finanziarie che serviranno a tutelare posti di lavoro, a salvare aziende dal fallimento, a togliere famiglie dalla disperazione; soldi che noi chiediamo vengano spesi attraverso scelte oculate e trasparenti del Governo, su impulso e sotto il controllo del Parlamento, senza bisogno di doversi inventare fumose task force, né di doverne attribuire l’improbabile paternità all’Europa”, lo ha dichiarato in Aula la senatrice Laura Garavini (IV), eletta nella ripartizione Estero , in occasione del dibattito sulle risoluzioni relative meccanismo europeo di stabilità  (MES) poi approvate dall’emiciclo. “È ora che prendiamo una decisione, anche perché abbiamo già tenuto bloccato il Paese e l’Europa sin troppo per mesi, sia sull’uso del Mes sanitario, che sulla riforma del Meccanismo europeo di stabilità oggi all’ordine del giorno. Sono due questioni diverse, entrambe di grande rilievo, perché non si può continuare a ignorare la drammatica situazione sanitaria in cui ci troviamo e ad insistere nel porre veti per motivi puramente ideologici. Bisogna quindi ricorrere al Mes sanitario e sarebbe autolesionista opporsi alla riforma del Meccanismo europeo di stabilità, che non è altro che uno strumento di finanziamento sulla cui modifica non dovrebbero esserci dubbi, dal momento che i cambiamenti apportati ne migliorano l’efficacia e che abbiamo contribuito noi stessi come Paese a formularli. Ciò che viene introdotto rispetto all’eventuale ricorso al Mes in caso di crisi bancarie serve all’Europa e può rivelarsi molto utile alla stessa Italia, perché l’onere di far fronte ad eventuali problemi finanziari delle banche non viene lasciato ai singoli Stati, ma viene coperto con risorse europee, cioè introduce un sostegno comune condiviso da tutti”, ha aggiunto Garavini. “Trovo piuttosto stucchevole la discussione se questa riforma serva di più all’Italia o ad un altro Paese. Questa riforma serve al sistema bancario europeo nella sua interezza, il che è molto positivo, e se le banche italiane dovessero entrare in difficoltà, come di certo non ci auguriamo, con questo meccanismo avremmo una sorta di paracadute, a difesa del sistema finanziario dell’intero continente e di quello italiano”.

“Noi di Italia Viva – ha continuato Garavini – non abbiamo dubbi: siamo a favore del Meccanismo europeo di stabilità e della sua riforma e troviamo logico che l’intera maggioranza riconfermi l’identità europeista di questo Governo, votando a favore. Allo stesso modo riteniamo logico ed urgente ricorrere al MES sanitario, che ci aiuterebbe ad evitare enormi sofferenze ai singoli come al Paese”, ha evidenziato la senatrice invitando a rivolgere grande attenzione anche alla vicenda Brexit, come pure a tutte le questioni sulla sicurezza. “Ricordo che il 14 dicembre ricorre l’anniversario della morte di Antonio Megalizzi, ucciso due anni fa in un attentato terroristico a Strasburgo. In conclusione, bisogna affermare un messaggio forte, positivo e rincuorante: l’Europa c’è, l’Europa oggi ci offre importanti opportunità e noi di Italia Viva chiediamo di avere il buon senso di usare queste opportunità per il bene degli italiani e delle prossime generazioni”, ha concluso Garavini. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform