direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La Repubblica Ceca si illumina di blu e di verde per il quinto anniversario dell’Accordo di Parigi sul clima

RETE DIPLOMATICO-CONSOLARE

All’iniziativa ha aderito anche l’Ambasciata d’Italia a Praga

PRAGA – La sede ufficiale del Primo Ministro ceco, i palazzi di alcuni Ministeri e Ambasciate nella capitale ceca, insieme alla torre di Petřín, il Teatro Mahen di Brno e il Nuovo municipio di Ostrava, sono stati illuminati di blu e di verde durante il fine settimana per celebrare il quinto anniversario della firma dell’Accordo di Parigi sul clima, siglato il 12 dicembre 2015. L’iniziativa – segnalata dall’Ambasciata d’Italia in proposito, che vi ha aderito – mira a ricordare il momento cruciale nello sforzo globale per ridurre i cambiamenti climatici e nello stesso tempo vuole sottolineare la necessità di ulteriori passi comuni, finalizzati ad una protezione più rigorosa dell’ambiente.

“L’Accordo di Parigi è stato un’importante vittoria diplomatica, ma sappiamo già ora che gli impegni assunti cinque anni fa non saranno sufficienti a raggiungere gli obiettivi prestabiliti. Se vogliamo evitare conseguenze fatali, i nostri impegni devono essere molto più ambiziosi. Con l’illuminazione dei nostri edifici vogliamo dimostrare che la lotta contro i cambiamenti climatici, causati dall’attività dell’uomo, è una delle nostre priorità – ha detto l’ambasciatore britannico in Repubblica Ceca, Nick Archer.

“L’Accordo di Parigi sul clima ha stabilito un obiettivo comune ambizioso, un obiettivo fondamentale per l’ecosistema del nostro pianeta e per le condizioni di vita dei suoi abitanti: quello di contenere il riscaldamento a 1,5°C e raggiungere la neutralità carbonica. Tutti sentiamo le conseguenze del riscaldamento globale, ma i nostri impegni non corrispondono alla gravità della situazione. La Francia sostiene il nuovo obiettivo dell’Unione Europea: quello di ridurre le emissioni  entro il 2030 del 55% e raggiungere la neutralità carbonica nel 2050. La Presidenza francese e quella successiva della Repubblica Ceca nel Consiglio d’Europa nel 2022 saranno responsabili dell’assunzione dei provvedimenti concreti che sapranno garantire tali obiettivi – ha aggiunto l’ambasciatore francese in Repubblica Ceca Alexis Dutertre.

Blu e verde, i colori simbolo del nostro pianeta, sono anche simbolo della Conferenza dell’ONU sui cambiamenti climatici COP26, che si terrà in novembre dell’anno prossimo a Glasgow, in Scozia. La Conferenza sarà organizzata sotto la co-presidenza del Regno Unito e dell’Italia.

“La protezione dell’ambiente e la lotta contro i cambiamenti climatici sono priorità strategiche per l’Italia, che promuoviamo anche a livello comunitario. Insieme al Regno Unito, co-presidente della Conferenza COP26, sosteniamo pienamente l’iniziativa che ricorda l’anniversario dell’Accordo di Parigi, con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza dell’opinione pubblica ceca sul tema dei cambiamenti climatici – ha dichiarato l’ambasciatore italiano in Repubblica Ceca, Francesco Saverio Nisio.

Praga, Brno e Ostrava vestite di blu e verde, sabato, non solo ricordano il successo fondamentale nella lotta contro i cambiamenti climatici, ma rappresentano soprattutto un simbolo di fiducia e determinazione nel portare avanti lo sforzo di tutto il mondo per la riduzione delle conseguenze dell’attività dell’uomo sull’ambiente. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform