direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La Newsletter del senatore Francesco Giacobbe, eletto per il Pd nella ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide

ELETTI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

Segnalati gli interventi approvati con la Legge di Bilancio e i capitoli di spesa riguardanti i connazionali all’estero

 

ROMA – Il senatore Francesco Giacobbe, eletto per il Pd nella ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide, segnala nella sua ultima Newsletter le norme approvate dalla Legge di Bilancio e i capitoli di spesa riguardanti le comunità all’estero.

“Come dicevo nella mia precedente Newsletter, l’impianto della manovra era abbastanza soddisfacente, guardava alla messa in sicurezza dei conti del Paese e non prevedeva tagli ai capitoli di diretto interesse delle politiche degli italiani all’estero. C’era – ricorda Giacobbe – una proposta di un aumento delle percezioni per le pratiche consolari di ricostruzione della cittadinanza e l’abolizione dell’esenzione Imu-Tasi per i pensionati esteri. Il lavoro di queste settimane svolto in Commissione – sottolinea l’esponente democratico – ha permesso l’approvazione di norme positive e stanziato significative risorse”.

“Sei milioni di euro vengono aggiunti ai capitoli di spesa per le nostre comunità all’estero, grazie ad un mio emendamento, sottoscritto anche da altri colleghi eletti all’estero. L’impegno del Pd e il proficuo lavoro svolto fuori e dentro la Commissione Bilancio al Senato ci ha permesso di far approvare l’emendamento cosiddetto Omnibus che prevede interventi aggiuntivi rispetto al finanziamento già proposto nella versione originale della legge di bilancio – segnala Giacobbe, precisando come si tratti di: 500 mila euro per la promozione della lingua e cultura italiana all’estero, aggiuntivi rispetto al finanziamento a regime, per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022 e destinati in particolare al sostegno degli enti gestori. 1 milione di euro per i Comites per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022; “prima erano previsti solo 1.248.138 euro all’anno – ricorda Giacobbe, evidenziando l’aumento raggiunto di oltre l’80%. 500mila euro per il Consiglio Generale Italiani all’Estero, per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022, “necessari per garantire l’adempimento degli obblighi previsti dalla legge”. “Se pensiamo che prima il contributo previsto era di 607 mila euro all’anno, l’incremento rappresenta un aumento di oltre l’82% – prosegue l’esponente democratico, sottolineando come ciò testimoni “l’interesse del Partito Democratico e del Governo per la diffusione di lingua e cultura nel mondo; il rispetto per organismi di rappresentanza di sicuro valore per le nostre comunità e il ruolo della rappresentanza parlamentare”.

Giacobbe ribadisce in particolare come attraverso un emendamento sia stato incrementato di un milione per l’anno 2020, 2021 e 2022 il Fondo Cultura. Inoltre, segnala l’approvazione della proroga del credito d’imposta per la partecipazione delle Piccole e Medie Imprese a fiere internazionali e l’eliminazione dell’innalzamento della tassa per le pratiche di cittadinanza.

“Alcuni temi sono rimasti in sospeso. Fra questi, il reinserimento della tassa Imu per gli iscritti Aire con pensione straniera. Anche se ciò è dovuto agli effetti di una potenziale procedure di infrazione dell’Unione Europea, indubbiamente – sottolinea Giacobbe – si tratta di un grande passo indietro su una norma voluta ed attuata dai governi del Partito Democratico. Su questa questione – assicura il parlamentare – c’è tutto l’impegno mio e del Partito Democratico affinché il Governo possa trovare una soluzione nel futuro valutando anche l’estensione del riconoscimento a prima abitazione per tutti gli iscritti all’Aire. Sono anche convinto che incoraggiare gli iscritti Aire a possedere e mantenere case in Italia, specie in parti del Paese a rischio di spopolamento, permette di realizzare almeno tre obiettivi: creazione di posti di lavoro, investimenti stranieri in Italia e favorire i flussi di turismo di ritorno. Fattori che certamente hanno un significativo impatto sul prodotto interno lordo”.

Altro tema non affrontato è il pagamento delle pensioni italiane all’estero e per Giacobbe, a questo riguardo, “è arrivato il momento per rinnovare l’impegno del Governo e del Parlamento”. “Si tratta di norme di equità sociale per una fascia di cittadini più deboli quali i nostri pensionati all’estero. Una categoria che va salvaguardata perché memoria delle nostre comunità. Occorre proteggerli con norme che riguardino da un lato l’adeguamento dell’ammontare di pensione e dall’altro il sistema di amministrazione delle prestazioni in pagamento fra cui l’eliminazione degli indebiti pensionistici, su cui – ricorda il parlamentare – ho già presentato un disegno di legge”.

“Un altro tema su cui dobbiamo riflettere seriamente nel futuro è su come riuscire a fare sistema con i nostri giovani ricercatori che operano all’estero. Stanno facendo un ottimo lavoro e ottengono risultati eccellenti. I motivi che li hanno costretti a lasciare il nostro Paese sono strutturali e richiedono tempo per essere risolti. Nel frattempo, però – ribadisce l’esponente democratico, – abbiamo il dovere di aiutarli nel loro lavoro e fare tesoro delle loro conoscenze. Occorre investire valorizzando il loro lavoro e promuovendo programmi di collegamento per coinvolgerli e renderli partecipi in progetti di collaborazione con le aziende, i centri di ricerca e le università italiane”.

Giacobbe ritiene dunque che “gli interventi per i ricercatori dovrebbero far parte di un più ampio programma di iniziative atte a valorizzare il grande potenziale delle nuove generazioni di origine italiana nel mondo; si i tratta di persone perfettamente integrate e che spesso ricoprono incarichi di primo piano nei centri decisionali dei Paesi in cui vivono. Assicurarci la loro collaborazione è fondamentale per la promozione del Made in Italy e del Sistema Paese”.

Quelli sopra richiamati “sono solo alcuni nuovi impegni per i prossimi mesi che solo uno spirito di collaborazione rinnovato potrà permetterci di raggiungere”. “In sintesi, con la Legge di Bilancio alcuni obiettivi sono stati raggiunti ponendo le basi per l’implementazione di politiche che riguardano i nostri cittadini e le comunità all’estero. Altri obiettivi – conclude Giacobbe – sono da perseguire e raggiungere con l’auspicata collaborazione tra i diversi Ministeri, i diversi soggetti in Italia e all’estero portatori di interessi dei nostri connazionali, sempre e mi auguro con spirito costruttivo e di dialogo”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform