direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La Marca (Pd): anche dopo la risposta alla mia interrogazione resto convinta che la chiusura di 27 consolati onorari sia eccessiva

ELETTI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

 

 

ROMA  – Il Ministero degli Esteri, tramite il sottosegretario Ricardo Merlo, ha risposto alla  interrogazione della deputata del Pd Francesca La Marca (eletta nella circoscrizione Estero-ripartizione Nord e Centro America) con la quale la parlamentare  chiedeva le ragioni della chiusura di 27 Consolati onorari. Una interrogazione, spiega l’on. La Marca, “nata dalla convinzione, che mi ha costantemente guidato in questi anni, che a fronte di una inadeguata dotazione di personale presso le nostre strutture diplomatiche e consolari e della crescita delle funzioni attribuite ai terminali esteri dello Stato, la rete dei consoli onorari è chiamata a volgere un compito insostituibile, spesso di vera e propria supplenza del lavoro dei Consolati, quando le procedure amministrative lo consentano”.

La Marca ha trovato la risposta del sottosegretario Merlo “abbastanza burocratica” a “ tesa a giustificare su tutta la linea le chiusure effettuate” . “Sarà pur vero – commenta la deputata – che tra i Consolati onorari chiusi ce ne saranno stati parecchi ormai disattivi e altri scoperti di titolarità, ma devo dire che, senza un riferimento analitico, nel complesso il numero delle chiusure mi sembra eccessivo. In più non si capisce come un Consolato da anni senza un responsabile sia potuto sopravvivere nominalmente senza che qualcuno si sia preoccupato di trovare un nuovo responsabile”.

“Né il sottosegretario Merlo né altri, poi, s’interrogano sull’incidenza che su un panorama come quello descritto abbia potuto avere la scarsità delle risorse che vengono destinate ai consolati onorari e che nel corso degli ultimi anni ho cercato più volte di incrementare con emendamenti alle leggi di bilancio”.

La Marca resta dunque “convinta che non si può continuare a spezzare gli anelli più deboli ogni volta che se ne presenti l’occasione perché spesso sono proprio quelle situazioni apparentemente marginali che riescono a dare prime risposte ai nostri connazionali e ad assicurare, pur tra mille difficoltà, servizi che altrimenti sarebbero latitanti”. E assicura: “Continuerò a battermi, come da anni sto facendo, per aumentare la dotazione finanziaria dei consolati onorari”.

La Marca ricorda che nella ripartizione Nord e Centro America le chiusure hanno riguardato: negli  Stati Uniti  l’Agenzia consolare onoraria in Cincinnati e il vice Consolato onorario in Nashville, posti alle dipendenze del Consolato di I classe d’Italia in Detroit; a Cuba l’Agenzia consolare onoraria in Varadero, posta alle dipendenze dell’Ambasciata d’Italia a L’Avana; in Messico l’Agenzia consolare onoraria in Mazatlan, l’Agenzia consolare onoraria in Tijuana, il vice Consolato onorario in Acapulco, posti alle dipendenze dell’Ambasciata d’Italia in Città del Messico.  (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform