direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

La Commissione Bilancio della Camera avvia l’esame della proposta di legge c. 960 volta destinare agli uffici diplomatici e consolari quota dei proventi derivanti dal rilascio dei passaporti all’estero per il rafforzamento dei servizi

CAMERA DEI DEPUTATI

Chiesta dalla Commissione al Governo una relazione tecnica su profili finanziari del provvedimento in discussione

 

ROMA – La Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha avviato l’esame, volto ad esprimere un parere alla III Commissione, della proposta di legge c. 960 (Ricciardi) che si prefigge di destinare agli uffici diplomatici e consolari quota dei proventi derivanti dal rilascio dei passaporti all’estero.  Nel corso della seduta la relatrice del provvedimento Vanessa Cattoi (LEGA) ha segnalato  come la proposta di legge, di iniziativa parlamentare, rechi norme volte a lasciare direttamente a disposizione dei consolati una percentuale delle entrate riferibili a diritti e tasse consolari derivanti dalla loro attività di rilascio dei passaporti, destinata al rafforzamento dei servizi consolari per i cittadini italiani residenti o presenti all’estero, con priorità per i servizi maggiormente richiesti. Nel segnalare che la Commissione è chiamata ad esaminare il testo della proposta di legge, come risultante dalle proposte emendative approvate in sede referente dalla Commissione Affari Esteri e che il testo iniziale e gli emendamenti approvati non sono corredati di relazione tecnica, la relatrice ha precisato in primo luogo come la proposta di legge in esame sia volta ad assegnare alle rappresentanze diplomatico-consolari il 30 per cento delle entrate. Cattoi ha inoltre rilevato come la norma disponga che agli oneri derivanti dall’attuazione della presente legge si provveda mediante corrispondente riduzione del Fondo per far fronte ad esigenze indifferibili che si manifestano nel corso della gestione. In  proposito dalla relatrice è stato osservato: “ tenuto conto che la disposizione destina a finalità di spesa una quota di entrate riferite al rilascio dei passaporti elettronici e che, da un lato, queste ultime, come risulta dal bilancio di previsione 2024-2026, risultano complessivamente stimate in un importo pari a 70 milioni di euro per ciascun anno del triennio in corso, ivi comprese quelle derivanti dal rilascio dei passaporti da parte delle rappresentanze diplomatico-consolari, e dall’altro le medesime entrate risultano già destinate al ristoro di spese, posto che secondo l’articolo 7-vicies quater del decreto-legge n. 7 del 2005 l’importo corrisposto dai soggetti richiedenti è almeno pari alle spese necessarie per la loro produzione e spedizione, nonché per la manutenzione necessaria all’espletamento dei connessi servizi, ne consegue che l’utilizzo di tali risorse, poiché renderebbe sostanzialmente prive di copertura le spese sostenute per il rilascio dei documenti di cui trattasi, appare suscettibile di determinare nuovi o maggiori oneri”.  Oneri, che secondo, secondo la relatrice,  non vengono quantificati dal provvedimento, che si limita invece a provvedere ad essi, senza determinarne l’importo, mediante corrispondente riduzione del Fondo per far fronte ad esigenze indifferibili. Per queste ragioni dalla Cattoi, anche al fine di poter valutare la capienza del Fondo utilizzato con finalità di copertura finanziaria, è stata ravvisata la necessità di acquisire sul provvedimento in esame una relazione tecnica. Anche il sottosegretario all’Economia Federico Freni ha sottolineato la necessità di acquisire una relazione tecnica sul provvedimento in discussione, al fine di procedere ad una compiuta verifica dei suoi profili finanziari. La Commissione Bilancio ha quindi deliberato di richiedere al Governo, ai sensi dell’articolo 17, comma 5, della legge n. 196 del 2009, la trasmissione di una relazione tecnica sul testo del provvedimento in esame entro il termine ordinario di trenta giorni. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform