direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

“Italians”: uno spazio d’arte italiana a Hong Kong

CULTURA

Il progetto, finanziato dalla Farnesina, è realizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Hong Kong, con il sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Pechino e del Consolato Generale a Hong Kong

 

HONG KONG – A Hong Kong è stato inaugurato “Italians”, uno spazio collettivo d’arte italiana dove sono presenti otto gallerie (Artiaco, Cardi, Continua, MassimoDeCarlo, Maggiore, Rossi&Rossi, Mazzoleni, Noero) ed esposte opere di grandi artisti italiani e contemporanei quali Morandi, Fontana e Pistoletto. Il progetto, finanziato dalla Farnesina, è realizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Hong Kong, con il sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Pechino e del Consolato Generale a Hong Kong. “Italians”, che permette alle gallerie d’arte italiane di far fronte alla sfida straordinaria della pandemia,  è collocato presso la prestigiosa fiera “Art Basel”, una delle principali esposizioni dell’arte al mondo. All’inaugurazione, avvenuta il 19 maggio, l’Ambasciatore a Pechino, Luca Ferrari, ha sottolineato: “Ancora una volta, gli italiani dimostrano che, anche davanti alle sfide più complesse, è possibile trovare una soluzione. Lo spazio collettivo ‘Italians’ è un modo innovativo di guardare al mercato internazionale dell’arte. Permetterà alle nostre gallerie di essere presenti da remoto in una delle fiere più importanti al mondo, in un momento di crescita esponenziale del mercato dell’arte in Asia”. “Non è molto comune che un’istituzione culturale nazionale  sostenga l’arte italiana in un ambito di mercato; la crisi che stiamo vivendo impone soluzioni nuove, anche in ottica di internazionalizzazione delle gallerie d’arte italiane”, ha commentato il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Stefano Fossati. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform