direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Italiani in Norvegia ed Islanda, il Comites di Oslo invita i connazionali ad inviare idee per progetti a favore delle comunità

ITALIANI ALL’ESTERO

 

OSLO –  Il Comites di Oslo informa di avere “la possibilità di richiedere contributi integrativi al Ministero degli Affari Esteri per finanziare iniziative a favore delle comunità di italiani residenti in Norvegia ed Islanda, con priorità alla realizzazione di progetti specifici finalizzati a favorire l’inserimento nei contesti locali dei componenti dei nuovi flussi migratori italiani”.

Il Comites di Oslo invita pertanto “tutti i connazionali di Norvegia e Islanda a inviare idee per progetti da realizzare in collaborazione con il comitato stesso o a darsi disponibili a collaborare a titolo gratuito all’interno dei progetti promossi dal comitato”. Idee e dettagliata descrizione del progetto da realizzare (corredate di budget approssimativo) devono essere inviate all’indirizzo info@comitesoslo.org entro il 10 settembre 2020.

Il Comites precisa che sarà suo compito fare una selezione, elaborare e inviare formale richiesta al Maeci con specificato l’ammontare del contributo integrativo relativo a ciascun progetto e puntualizza che i finanziamenti dal Maeci non coprono salario, ma solo eventuali spese connesse alla realizzazione di un progetto. Accanto alle tematiche cui è stata dedicata prioritaria attenzione negli ultimi anni (nuovi flussi migratori, migrazione circolare, turismo di ritorno, studi specifici sull’emigrazione italiana, canali telematici e innovativi di comunicazione…), vengono sauggerite  alcune tipologie di attività collegate alla crisi epidemiologica in corso. Tra queste: “Realizzazione o potenziamento, ove già funzionanti, di Sportelli informativi, sia “fisici” che “virtuali”, destinati a fornire informazioni sulle misure adottate per fronteggiare la crisi sanitaria nel paese di residenza, o più in generale per dare supporto a connazionali in difficoltà; Rafforzamento o realizzazione di canali di comunicazione e informazione varia destinata ai connazionali attraverso radio web o social network; Pubblicazione e distribuzione di opuscoli informativi, bollettini, newsletter, volantini sulle misure in vigore per il contenimento della pandemia o su iniziative di welfare promosse dalle istituzioni locali, contenenti informazioni o numeri utili da contattare in caso di necessità; Iniziative varie di assistenza nei confronti degli esponenti delle cosiddetta “Nuova mobilità”, che sovente rappresentano i soggetti più colpiti dalla crisi in quanto ancora in fase di integrazione nel contesto locale o professionalmente precari, o in possesso di contratti a tempo determinato, ovvero in prova o addirittura senza regolare contratto di lavoro (quindi esclusi dai provvedimenti di welfare eventualmente adottati a livello locale); Iniziative per favorire la riqualificazione o aggiornamento professionale per chi ha perso il lavoro o si è visto costretto a chiudere la propria attività imprenditoriale”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform