direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Intesa tra Regione Emilia-Romagna e Provincia di Buenos Aires

ITALIANI ALL’ESTERO

Siglata dal presidente Bonaccini nel corso della sua visita in  Argentina

Una “partnership che rafforzerà ulteriormente le collaborazioni e i progetti congiunti tra imprese, università e istituzioni delle due parti,  anche con il coinvolgimento della comunità degli emiliano-romagnoli”

 

BOLOGNA – Promozione e sviluppo economico, con particolare riguardo a industria, agricoltura, turismo, ricerca scientifica e innovazione tecnologica, investimenti e cooperazione  in ambito universitario e della formazione professionale. Questi i punti salienti dell’intesa tra la Regione Emilia-Romagna e la Provincia di Buenos Aires firmata  dal presidente della Regione italiana Stefano Bonaccini nel corso della sua  missione istituzionale in Argentina conclusasi qualche giorno fa e alla quale ha preso parte anche il rettore dell’Università di Bologna Francesco Ubertini. Una “partnership che rafforzerà ulteriormente le collaborazioni e i progetti congiunti tra imprese, università e istituzioni delle due parti,  anche con il coinvolgimento della comunità degli emiliano-romagnoli” si sottolinea dalla Regione  .

“In Argentina c’è grande interesse per le proposte della Regione e dell’Università di Bologna, ha sottolineato il presidente Bonaccini .

L’impegno, come confermato dal presidente Bonaccini al segretario generale della Provincia argentina, Fabián Perechodnik, si estenderà anche al settore della sanità e della formazione in ambito sanitario. Un primo passo sarà la riattivazione del Master congiunto sulla gestione delle politiche sanitarie, realizzato dalla Regione in collaborazione con l’Università di Bologna. Un ulteriore tassello è la costituzione di un osservatorio di economia sanitaria con la partecipazione di Università di Bologna, Regione Emilia-Romagna,  Università di Buenos Aires e La Plata, imprese emiliane operanti in Argentina nel settore e alcuni ospedali argentini che sono punti di riferimento per tutto il Sudamerica. La nascita dell’osservatorio è prevista per maggio, in occasione di Expo sanità a Bologna, dove saranno invitate istituzioni e imprese.

Incoming di imprese e collettive alle principali fiere Internazionali dell’Emilia-Romagna, coordinati dai rispettivi ministeri, dalla Camera di commercio italo-argentina e dall’Istituto del Commercio Estero, costituiranno infine uno dei punti chiave delle proposte del presidente Bonaccini alle controparti argentine.

Bonaccini nel corso della missione ha incontrato la comunità emiliano-romagnola presso la sede dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires, presenti il console Riccardo Smimmo, la direttrice dell’Istituto Maria Mazza, e il rettore dell’Università di Bologna Francesco Ubertini.

All’incontro hanno partecipato la neo vicepresidente della Consulta degli emiliano-romagnoli nel mondo, Anna Lisa Poggiali, e i presidenti e delegati di numerose associazioni di emiliano-romagnoli argentine, provenienti non solo della Provincia di Buenos Aires ma anche, tra le altre, da Rosario, Cordoba, Pergamino, Resistencia, Santa Fe, Mar del Plata, Viedma, Salta, Mendoza, e Marcelo Carrara, ex consultore ed attualmente membro del CGIE, giudicandolo un’importante occasione di dialogo con il presidente Bonaccini e il rettore Ubertini per ripristinare i progetti di intercambio in ambito sociale, culturale, sportivo, accademico ed economico.

Prendendo la parola, i rappresentanti delle associazioni hanno  fortemente chiesto di potenziare la Consulta degli Emiliano Romagnoli nel Mondo come ponte tra le comunità all’estero e la regione d’origine puntando sulle nuove generazioni. Bonaccini ha confermato la sua disponibilità a sostenere la rete mondiale delle associazioni così da farle diventare  antenne della Regione in tutto il mondo, e illustrato, oltre agli obiettivi del suo governo, la collaborazione con l’Università di Bologna e l’intesa con la Provincia di Buenos Aires, da attuarsi appunto tramite il coinvolgimento della comunità emiliano-romagnola residente in Argentina. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform