direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Interviene in collegamento a “l’Italia con voi”, Michele Schiavone, segretario generale del Cgie, per un aggiornamento sulle comunità italiane all’estero, ancora alle prese con gli effetti della pandemia

ITALIANI ALL’ESTERO

 

(fonte immagine Rai Italia)

ROMA – Interviene in collegamento a “l’Italia con voi”, la trasmissione di Rai Italia dedicata ai connazionali all’estero, Michele Schiavone, segretario generale del Cgie, per un aggiornamento sulle comunità di connazionali all’estero, ancora alle prese con gli effetti della pandemia.

“Gli italiani all’estero hanno affrontato in tutti i Paesi questa situazione sanitaria con tantissime difficoltà, ma grazie all’aiuto delle associazioni, dei Comites, del Cgie, delle diverse organizzazioni e con il supporto della rete diplomatico-consolare sono riusciti ad affrontare al meglio le difficoltà. La situazione non è però ancora superata e ci sono aree del mondo – soprattutto in America latina, in Asia e in Africa, – dove si stanno ancora avendo grandi difficoltà sanitarie che ci auguriamo possano essere superate il più presto possibile – afferma Schiavone, sottolineando anche le novità positive che sono emerse negli ultimi giorni sul fronte della politica globale, novità “che sono confortanti perché ci comunicano l’impegno dei Paesi più avanzati a sostegno della politica sanitaria”.

La situazione è ancora difficile in particolare “in alcuni Paesi dell’America latina, come il Venezuela, nei Paesi andini, in Brasile e in parte anche in Argentina – segnala Schiavone, aggiungendo che “monitoriamo i Paesi più in difficoltà  grazie ai nostri consiglieri e alle associazioni”. Criticità sono segnalate anche “in Africa e in alcuni Paesi asiatici per la precarietà dovuta alla mancanza di medicine e soprattutto per la povertà diffusa”. “In questi Paesi, l’impegno dell’Italia, nonostante i volontari e la disponibilità ideale, richiede sforzi ulteriori – sottolinea il segretario generale, che ricorda come “la Farnesina con la sua Unità di crisi in questi 11 mesi ha riportato in Italia circa 120 mila connazionali”. “È stato uno sforzo immane sia sotto l’aspetto finanziario ma anche per quello organizzativo. Noi stessi continuiamo ad avere rapporti quotidiani con gli uffici dell’Unità di crisi e ringrazio coloro che si prodigano per questo impegno – afferma Schiavone.

Infine, il segretario generale ricorda l’appuntamento del prossimo 3 dicembre, con il voto per il rinnovo dei Comites, un voto “necessario perché molti Comites hanno consiglieri di lungo corso, spesso in prima linea da 20 anni ed è per loro difficile continuare anche perché la normativa non prevede un mandato suppletivo – ricorda Schiavone. “L’impegno del Cgie e del Maeci è di rinnovare questa rappresentanza dandole strumenti più rappresentativi e soprattutto per consegnare alle nuove generazioni un testimone di storie ma soprattutto di successo e di avanzamento nell’integrazione avvenuta nei paesi di emigrazione – conclude il segretario generale, auspicando che la situazione sanitaria possa consentire il voto nei tempi stabiliti. (Inform)

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform