direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Interrogazione al ministro degli Esteri, Luigi Di Maio sulla costituzione di una Camera di commercio italo-algerina

SENATO DELLA REPUBBLICA

La richiesta, a prima firma del leghista Massimiliano Romeo, in considerazione degli “eccellenti rapporti commerciali” tra i due Paesi e per favorire nuove opportunità commerciali per le imprese italiane

 

ROMA – È stata presentata in Senato un’interrogazione indirizzata al ministro degli Affari esteri, Luigi Di Maio, in cui si chiede di considerare l’opportunità di costituire una Camera di commercio italo-algerina, al fine di favorire nuove opportunità commerciali per le imprese italiane nel Paese nordafricano.

Nell’interrogazione, presentata dei senatori leghisti Massimiliano Romeo, Massimo Candura, Tony Chike Iowbi, Emanuele Pellegrini e Manuel Vescovi, si richiamano gli “eccellenti rapporti commerciali” tra Italia e Algeria: “nel 2018 l’Italia è stata il primo partner commerciale dell’Algeria a livello globale, e al contempo l’Algeria rappresenta il primo partner commerciale dell’Italia in Africa – ricordano gli interroganti, aggiungendo poi come “per l’Algeria l’Italia rappresenta il primo importatore di beni e servizi, per il 90 % costituito dal comparto Oli & Gas” e “l’Algeria, dopo la Russia, è il secondo fornitore energetico per l’Italia, assumendo per questo una notevole importanza strategica per il nostro Paese”.

“Nello specifico, nel 2018, il valore dell’interscambio tra Italia e Algeria è stato pari a circa 9 miliardi di euro, di cui circa 6,1 miliardi rappresentato dalle nostre importazioni e oltre 3 miliardi dalle nostre esportazioni – prosegue l’interrogazione, che precisa come ad oggi non esista “una specifica camera di commercio italiana in Algeria, nonostante lo scambio commerciale tra i due Paesi sia di molto superiore a quello presente tra l’Italia e gli altri Paesi nordafricani come Marocco, Tunisia ed Egitto, dove al contrario sono presenti specifiche camere di commercio”. “Le Camere di commercio italiane all’estero sono organi fondamentali per favorire l’internazionalizzazione delle imprese italiane e promuovere il made in Italy nel mondo – rilevano gli interroganti, che domandano perciò a Di Maio se “intenda porre in atto le opportune procedure per la costituzione di una Camera di commercio italo-algerina, al fine di favorire nuove opportunità commerciali per le imprese italiane nel Paese nordafricano”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform