direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Incontro il 9 marzo all’Istituto Italiano di Cultura di Sydney

SCIENZIATE ITALIANE IN AUSTRALIA

Iniziativa organizzata in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Canberra

 

SYDNEY – Il prossimo 9 marzo all’Istituto Italiano di Cultura di Sydney si svolgerà un Incontro con scienziate italiane operanti in Australia. L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’Ufficio dell’Addetto Scientifico e Tecnologico presso l’Ambasciata d’Italia a Canberra

Nonostante sia in Italia che in Australia un cospicuo numero di donne sia in possesso di un dottorato e sia già impegnato in ricerche scientifiche, un numero molto inferiore di donne si ritrova in posizioni di spicco nelle università e nei centri di ricerca, con meno del 20% in Australia e del 10% in Italia. In Italia circa il 30% dei ricercatori sono donne, ma nonostante ciò siamo ancora ben lontani dall’aver raggiunto la parità dei sessi nel campo scientifico. Scienziate australiane di origine italiana illustreranno i loro settori di ricerca e parleranno dei loro percorsi di carriera successivamente al trasferimento dall’Italia in Australia.

L’incontro si aprirà alle ore 18:00 con il benvenuto e l’introduzione di Donatella Cannova, direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Sydney. Seguiranno gli interventi :  “Donne italiane nella scienza dall’antichità al giorno d’oggi: un breve excursus”, di Oscar Moze, Addetto Scientifico, Ambasciata d’Italia, Canberra; “Come curare il cancro: la sfida della nanotecnologia”, Susanna Guatelli, School of Physics and Centre for Medical Radiation Physics, University of Wollongong; “Death Stars e pianeti vendicativi”, Orsola De Marco, Department of Physics & Astronomy and Astronomy, Astrophysics and Astrophotonics Research Centre, Macquarie University; “Impianti di apparecchiature mediche: se il dolore comporta infezioni”, Rosalia Cavaliere, ithree institute, University of Technology, Sydney; “Neutroni per il patrimonio culturale: una nuova interpretazione di antichi manufatti”, Floriana Salvemini, Australian Nuclear Science and Technology Organization, Lucas Heights; “Quanto è piccolo ciò che è piccolo”, Francesca Iacopi, School of Computing and Communications, Faculty of Engineering & IT, University of Technology, Sydney; “Perché abbiamo bisogno di più donne nella scienza”, Chiara Neto, Australian Institute for Nanoscale Science and Technology, Faculty of Science, School of Chemistry, University of Sydney.

L’ingresso all’incontro  è libero ma è necessaria la prenotazione obbligatoria: www.eventbrite.com.au  (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform