direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il video messaggio per il nuovo anno dell’Ambasciatore Maurizio Massari, Rappresentante Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite a New York

ESTERI

 

NEW YORK – “Si chiude un anno particolarmente difficile che ha riportato la guerra in Europa e approfondito le divisioni nel mondo che erano già forti come conseguenza della pandemia e delle altre crisi globali. L’auspicio primario per il nuovo anno è la fine del conflitto scatenato dell’aggressione russa all’Ucraina per il raggiungimento di una pace giusta, che sia coerente con il rispetto dei principi della Carta delle Nazioni Unite. L’Italia continuerà a lavorare intensamente in questa direzione come è stato assicurato da più alti esponenti del nostro governo”, Con questa riflessione inizia il videomessaggio per il nuovo anno dell’Ambasciatore Maurizio Massari, Rappresentante permanente dell’Italia presso l’Onu.  Massari sottolinea come a New York nel 2023 l’Italia moltiplicherà i propri sforzi per ridurre le divisioni nel mondo soprattutto tra Africa, Mediterraneo allargato e Sud globale. L’Ambasciatore ha anche rilevato che nel prossimo anno da New York l’Italia farà valere il suo ruolo anche in qualità di vicepresidente dell’Ecosoc, di membro della Peacebuilding Commission e di vicepresidente del Board di UN-Women. “Lavoreremo intensamente anche per il    successo del Summit sugli SDGS che si svolgerà a settembre durante la settimana di Alto Livello. L’Italia sta contribuendo alla formazione, a Torino, di funzionari e funzionarie di paesi del Sud globale per la preparazione delle rispettive Voluntary National Review, ossia la presentazione qui all’ONU da parte di ciascun paese dei progressi compiuti nello stato di attuazione degli SDGS. Stiamo inoltre lavorando all’organizzazione di una Conferenza umanitaria di alto livello sul Corno d’Africa”, ha aggiunto Massari parlando anche degli impegni umanitari all’interno della piattaforma Ecosoc. “Presiederò nel 2023 anche l’Humanitarian Liaison Working Group sull’assistenza umanitaria, un foro di discussione e impulso all’azione umanitaria che include oltre 50 Paesi. Continueremo infine ad impegnarci per una riforma delle istituzioni internazionali, a partire dal Consiglio di Sicurezza nel quadro del negoziato intergovernativo in corso, per far posto democraticamente alle regioni ancora oggi sotto-rappresentate, in primis l’Africa, senza creare nuove situazioni di privilegio per singolo Paese. Dico a tutti: contate sull’Italia”, ha concluso Massari ringraziando tutti i funzionari italiani che operano all’interno delle istituzioni onusiane e i nostri militari nelle missioni di pace per il contributo da essi dato in tutti i settori “affinché il multilateralismo e la cooperazione possano continuare a operare per la pace, sicurezza e la prosperità del pianeta”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform