direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Senatore Raffaele Fantetti (Maie- ripartizione Europa) interviene in Aula sulla legge di Bilancio

SENATO DELLA REPUBBLICA

ROMA – Approvato già dalla Camera dei deputati, il bilancio di previsione dello Stato per il 2021 e il bilancio pluriennale per il triennio successivo è stato discusso e approvato anche in Senato dove tra gli interventi si segnala quello di Raffaele Fantetti (Gruppo Misto-Maie) eletto nella ripartizione Europa. Fantetti si è soffermato sulle istanze poste per gli italiani all’estero. La prima istanza è stata l’aver ripristinato l’esenzione Imu per i pensionati italiani nel mondo. “Anche se solo per il 50%, è un passo in avanti e noi pensiamo e speriamo di completarlo. Vogliamo dare, però, merito al Governo e, in particolare, all’interlocuzione con la squadra di Ministri e Sottosegretari per i rapporti con il Parlamento, e al Ministro Amendola, per avere interloquito con la Commissione europea su questo punto. È molto importante per i nostri pensionati italiani all’estero, che venivano discriminati rispetto ai pensionati in Italia”, ha commentato Fantetti. In secondo luogo, sono state aumentate le risorse destinate agli enti gestori, che sono molto importanti all’estero, perché promuovono l’insegnamento della lingua italiana nel mondo. Allo stesso tempo è stato confermato il fondo per la lingua e la cultura italiana all’estero. “È un vanto di questa maggioranza”, ha sottolineato il senatore con soddisfazione. Sono stati anche previsti dei fondi per gli italiani nel mondo iscritti all’Aire. “Ricordo che sono 6 milioni e, anche se è un dato molto sottostimato rispetto alla realtà, costituiscono il 10% della popolazione italiana. Dobbiamo tutti essere consci del fatto che all’estero risiede probabilmente un 15% della popolazione italiana. Non parlo degli italici di provenienza, ma proprio di cittadini italiani, 6 milioni sono iscritti all’Aire. Per loro sono state previste finalmente importanti misure”, ha ulteriormente evidenziato Fantetti.

L’Agenzia delle entrate ha ricordato che, in merito alla detrazione fiscale del superbonus al 110%, i contribuenti residenti e non residenti nel territorio dello Stato che sostengono spese per l’esecuzione di interventi agevolati possono optare, in luogo dell’utilizzo diretto della detrazione, per le modalità alternative di utilizzo previste, cioè quelle dello sconto in fattura o della cessione del credito nei casi in cui non abbiano redditi in Italia, al di là di quello fondiario o degli immobili da ristrutturare. “Faccio notare che moltissimi italiani all’estero sono proprietari immobiliari in Italia e, quindi, l’estensione a loro del superbonus per le detrazioni è particolarmente benvenuta. Sono state inoltre finalmente confermate le misure per facilitare il rientro in patria dei cervelli, in particolare di coloro che hanno dimostrato, rientrando in Italia, un interesse vero a restare. Noi abbiamo combattuto questa battaglia accanto ai nostri colleghi alla Camera dei deputati e siamo molto contenti che finalmente siano state recepite le relative istanze”, ha spiegato Fantetti ricordando anche gli ulteriori fondi destinati all’assunzione di nuove risorse umane per la rete consolare. “Si tratta di circa 150 unità tra impiegati di ruolo e contrattisti: personale che, una volta preso posto nelle varie sedi diplomatico-consolari, servirà a rendere più agile e veloce il lavoro”, ha aggiunto il senatore del Maie.

Per quanto riguarda la struttura istituzionale della rappresentanza italiana all’estero, Fantetti ha ricordato come questa sia davvero unica nel mondo e sia basata su tre livelli. Il livello di base è quello dei Comitati degli italiani all’estero (Comites) che abbiamo solo noi: i francesi hanno mutuato dagli italiani la rappresentanza istituzionale dei francesi all’estero e hanno previsto una rappresentanza parlamentare al vertice e un Consiglio generale dei francesi all’estero, che è stato copiato dal nostro Consiglio generale degli italiani all’estero (Cgie). “I Comites erano bloccati da dieci anni, nonostante una legge ordinaria che li finanzia e ne prevede a scadenza quinquennale il rinnovo; ma finalmente nel 2021 gli italiani all’estero potranno rieleggere le loro rappresentanze di base in tutte le circoscrizioni consolari. I Comites sono un esercizio democratico estremamente importante e finalmente con quest’azione potranno essere rinnovati. Da dieci anni era bloccata la Conferenza permanente Stato-Regioni-Provincie Autonome-Cgie, che deve interloquire con gli enti in Italia. Finalmente sono stati sbloccati i fondi per questa importantissima conferenza che si terrà in autunno e a cui gli italiani all’estero guardano con estremo interesse, come pure i rappresentanti di Regioni che hanno, attraverso le loro amministrazioni, contatti diretti con le comunità degli italiani all’estero”, ha sottolineato il senatore.

“L’ultima è una battaglia storica che ho portato avanti per dieci anni e che ringrazio il collega Mario Borghese (Maie) di aver fatto propria alla Camera dei deputati; soprattutto però ringrazio la maggioranza e questo Governo di averla accolta. Finalmente verrà riconosciuta ufficialmente dallo Stato italiano la ristorazione italiana all’estero: è stato definito un intervento organico che servirà a istituzionalizzare, riconoscere, tutelare e promuovere il vero Made in Italy agroalimentare. Faccio notare che noi siamo fieri delle attività di contrasto all’italian sounding che vengono portate avanti all’interno del nostro territorio, ma siamo totalmente inermi rispetto a quello che succede all’estero. Finalmente è stato riconosciuto che i veri ambasciatori, i veri difensori dell’italianità sono gli italiani all’estero: i ristoratori, i titolari di esercizi di pizzeria, i titolari di esercizi di gelateria. Parliamo di decine di migliaia di esercizi nel mondo che finalmente vedranno riconosciuta la loro specificità, sulla base di criteri che un decreto attuativo del Ministero dello Sviluppo economico dovrà emanare entro sei mesi”, ha spiegato Fantetti in difesa delle eccellenze italiane nel mondo. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform