direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Presidente della Regione Abruzzo Marsilio riceve all’Aquila l’Ambasciatrice del Sud Africa Nausca-Jean Ngcaba

REGIONI

La comunità italiana presente in Sudafrica è fortemente rappresentata da molti abruzzesi che contribuiscono alla crescita di quel grande Paese

L’AQUILA – Il Presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio ha ricevuto ieri a Palazzo Silone il Capo Delegazione dell’Ambasciata in Italia della Repubblica del Sud Africa, ambasciatrice Nosipho Nausca-Jean Ngcaba.

L’incontro si è svolto nel “Freedom Day”, la festività sudafricana che annualmente ricorda la data del 27 aprile 1994, giorno in cui, a seguito delle prime elezioni democratiche, Nelson Mandela venne eletto primo Presidente della Repubblica sudafricana, mettendo fine all’apartheid e avviando il processo di riforma democratica del Paese.

Marsilio ha ricordato che la comunità italiana presente in Sudafrica è fortemente rappresentata da molti abruzzesi che contribuiscono alla crescita di quel grande Paese, mentre l’ambasciatrice è impegnata a stringere e a rafforzare le relazioni tra l’Abruzzo e il Sudafrica a partire dai rapporti con i nostri parchi nazionali, verso i quali il Paese africano mostra grande interesse.

L’ambasciatrice, dopo aver sottolineato che l’Abruzzo e la Repubblica del Sudafrica hanno in comune l’amore per la natura e per la tutela dell’ambiente, ha espresso le sue felicitazioni per la recente nomina del Parco Nazionale della Maiella a Geoparco dell’Unesco insieme ad altri sette Parchi, avvenuta il 22 aprile scorso e ha ricordato che il suo Paese conta 19 parchi nazionali, oltre a 5 parchi transanazionali. “L’Abruzzo per noi ha un valore speciale in quanto la più grande presenza italiana in Sudafrica è rappresentata da cittadini provenienti da questa regione”.

Parlando della figura di Nelson Mandela e delle riforme che ha portato a compimento nel suo Paese, Marsilio ha detto che “dopo aver trascorso in carcere gran parte della sua esistenza, Mandela non ha coltivato alcun sentimento di vendetta, garantendo una transizione pacifica nel suo Paese: questa credo che sia stata la cosa più grande e più nobile che abbia fatto nella sua vita”.

La presenza di italiani nella Repubblica sudafricana ammonta a quasi 70 mila unità, che rappresentano la più grande comunità italiana nel continente africano. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform