direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Ministro Elisabetta Trenta ha presenziato alla firma della cessione delle aree interne dell’aeroporto di Comiso e ha incontrato uomini e donne di numerosi enti e reparti delle Forze Armate

MINISTERO DELLA DIFESA

Conclusa la visita del Ministro della Difesa in Sicilia

PALERMO – Due giorni intensi, quelli trascorsi dal Ministro Trenta in Sicilia, durante i quali ha incontrato il personale delle Forze Armate presenti su tutto il territorio della regione.

La titolare del Dicastero – in Sicilia per presenziare alla firma dell’accordo per il trasferimento delle aree interne all’aeroporto di Comiso dal Ministero della Difesa, al demanio della Regione siciliana e, contestualmente, all’amministrazione comunale – ha infatti colto l’occasione per incontrare uomini e donne di numerosi Enti e Reparti.

Prima tappa al Comando Marittimo Sicilia di Augusta dove ad attenderla c’era il personale civile e militare di Marisicilia, Arsenale e Comforpat (Comando Forze da Pattugliamento per la Sorveglianza e la Difesa Costiera). Nel salutarli, il Ministro ha voluto ricordare il nostromo Gioacchino Verde con un minuto di silenzio, onorandone la memoria: “ha dato la sua vita al servizio del Paese, fedele allo Stato”.

Successivamente si è recata presso il 62° Reggimento Fanteria “Sicilia” a Catania dove ha rivolto parole di apprezzamento per “lo straordinario lavoro che quotidianamente svolge con elevata professionalità, in Patria e all’estero, per il bene del Paese e dei suoi cittadini”.

A Messina, il Ministro Trenta ha inaugurato presso il Comando interregionale dei Carabinieri, presente il Comandante Generale dell’Arma, Giovanni Nistri, il monumento dedicato ai cinque militari caduti nell’attentato di Nassiriya: “il loro è stato un atto d’amore per il Paese che deve restare nella nostra memoria”.

Nella seconda giornata di permanenza nell’Isola, il Vertice della Difesa ha visitato il 24° Reggimento Artiglieria Terrestre “Peloritani”, presenti anche le rappresentanze dei reparti dell’Esercito dislocate a Messina. Dopo aver assistito alla cerimonia dell’Alzabandiera, nel salutare il personale ha detto: “rappresentate un modello dell’Italia che funziona. Laboriosa e silenziosa. Perché il Soldato italiano è unico, apprezzato ovunque senza riserve”.

Dopo Messina, tappa a Palermo in visita al 4° Reggimento Genio Guastatori, dove ha incontrato il personale civile e militare e le rappresentanze di tutti i Reparti dell’Esercito presenti in città: “ho tenuto particolarmente ad incontrarvi e ringraziarvi personalmente per il lavoro che svolgete” facendo particolare riferimento al recente intervento in occasione dell’emergenza maltempo, nonché all’impegno nell’operazione Strade Sicure e nelle missioni all’estero.

Nel capoluogo siciliano il Ministro ha visitato anche il Centro di Selezione VFP1, dove ha incontrato personale civile e militare: “Una buona selezione è la base per avere buoni militari. Qui i giovani arrivano con tante speranze e ogni speranza merita tutta l’attenzione. So che operate con passione, abbiamo bisogno della vostra professionalità”.

Ultime tappe, il Comando Militare Esercito “Sicilia” e la Legione Carabinieri Sicilia di Palermo. Ai Militari dell’Arma il Ministro ha rivolto il suo ringraziamento per i brillanti risultati conseguiti con le ultime operazioni di servizio: “Cito soltanto l’imponente operazione antimafia che ha portato poco più di un mese fa a 46 fermi”. (m.r.e.f. – Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform