direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il deputato eletto nella ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide Nicola Carè (Pd) sugli emendamenti presentati alla manovra di bilancio per gli italiani all’estero: “bocciata l’equiparazione dell’Imu a quella versata dai residenti in Italia”

ELETTI CIRCOSCRIZIONE ESTERO

ROMA – Il deputato eletto nella ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide Nicola Carè (Pd) segnala la riduzione di risorse prevista dalla manovra di bilancio, che quantifica in oltre 50 milioni di euro in meno rispetto al 2022 che riguardano – scrive – “ in buona parte il programma dedicato agli italiani nel mondo e alle politiche migratorie” e che ricadranno sull’erogazione dei servizi richiesti dai connazionali all’estero.

“Abbiamo presentato emendamenti  per rafforzare l’organico della Farnesina e per garantire l’adeguamento stipendiale degli impiegati a contratto autorizzando la spesa di 1 milione di euro annuo a decorrere dall’anno 2023 per adeguare le retribuzioni del personale a contratto delle rappresentanze diplomatiche, degli uffici consolari e degli istituti italiani di cultura. Un altro importante emendamento – aggiunge Carè – riguarda la promozione del Made in Italy attraverso il rafforzamento della dotazione finanziaria delle Camere di Commercio Italiane all’Estero, con 2 milioni di euro. Un emendamento specifico per garantire l’assistenza sanitaria una volta presenti sul territorio nazionale, con la possibilità di ottenere l’assegnazione del medico di base. Inoltre un emendamento per sostenere i corsi di lingua e cultura italiana svolti dagli enti gestori con un incremento di due milioni e mezzo rispetto alle previsioni del Governo. Alcuni emendamenti sull’editoria prevedendo la ricostituzione della commissione dell’editoria italiana nel mondo presso la Presidenza del Consiglio e valorizzando la piccola editoria che svolge informazione anche per le comunità all’estero oltre che informazione di ritorno. Abbiamo presentato un emendamento per garantire l’equiparazione dell’IMU versata degli italiani iscritti all’Aire a quella versata dagli italiani residenti dentro i confini nazionali che purtroppo – conclude il deputato – è stato già bocciato”. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform