direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Il Consiglio dei Ministri approva il decreto correttivo sull’impresa sociale

TERZO SETTORE

Il provvedimento, su proposta del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Luigi Di Maio, contiene disposizioni in materia fiscale, sul ruolo di lavoratori e volontari e sull’adeguamento degli statuti

ROMA – Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto correttivo sull’impresa sociale proposto dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Luigi Di Maio.

Tra i punti centrali, il ruolo che i lavoratori e i volontari svolgono all’interno dell’impresa sociale. Si stabilisce in particolare che i lavoratori molto svantaggiati (disoccupati da oltre 24 mesi o da 12, in presenza di particolari condizioni) insieme a particolari categorie di soggetti deboli, non vengono più considerati tali dopo 24 mesi dall’assunzione da parte dell’impresa sociale, proprio in virtù del rapporto di lavoro instauratosi. Si chiarisce inoltre che ai volontari possono essere assegnati compiti complementari, ma non sostitutivi rispetto a quelli dei lavoratori.

Novità vengono introdotte anche sul fronte fiscale, con una disciplina di incentivi a favore di chi investe nelle imprese sociali allineata a quella delle startup innovative. A tal fine vengono presi in considerazione solo gli investimenti effettuati dopo il 20 luglio 2017 (data di entrata in vigore del Decreto legislativo n.112/2017) a favore di imprese sociali che abbiano acquisito la qualifica da non più di 5 anni. Inoltre, viene elevato da 3 a 5 anni il periodo minimo di mantenimento dell’investimento. Il provvedimento – segnala la nota diffusa dal Ministero del Lavoro in proposito – contiene altresì una riscrittura più chiara del regime fiscale applicabile alle imprese sociali: in tal senso, viene confermato il principio della detassazione delle sole somme reinvestite nell’attività di interesse generale svolta dall’impresa sociale. Vengono meglio chiariti gli effetti applicativi di tale principio, per cui sono esclusi dal trattamento di favore tutti gli utili e gli avanzi di gestione utilizzati in maniera diversa (aumento gratuito del capitale sociale, erogazioni gratuite in favore di altri enti del Terzo Settore, distribuzione di dividendi ai soci, per le sole imprese costituite in forma di società, entro precisi limiti), che sono pertanto sottoposti all’ordinaria tassazione.

Novità infine anche per gli adeguamenti degli statuti alle disposizioni di legge: viene elevato da 12 a 18 mesi il termine entro il quale effettuare tali adeguamenti (con scadenza a gennaio 2019), per dare agli enti interessati la possibilità di ponderare meglio le scelte da compiere. Tali modifiche, secondo la previsione del D.lgs. n.112/2017, possono essere apportate in forma semplificata, in sede di assemblea ordinaria. Il correttivo interviene su questo punto, specificando che il regime semplificato vale esclusivamente per le modifiche necessarie ad adeguarsi al nuovo quadro normativo, al fine di evitare, a tutela dei diritti delle minoranze assembleari, che si approvino, con delibera di assemblea ordinaria e con le relative maggioranze, modifiche che la nuova disciplina legislativa non impone né richiede. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform