direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Gino e Santa Vatri, quando l’amore per le Penne Nere non ha confini

ASSOCIAZIONI

Da “Alpini in trasferta”, Notiziario delle sezioni dell’Associazione Nazionale Alpini in Canada e Usa, n. 66 luglio 2018

TORONTO – E’ uscito il numero 66, luglio 2018, di “Alpini in trasferta”, notiziario delle sezioni dell’Associazione Nazionale Alpini in Canada e Usa, che si apre con un resoconto sulla 91ma Adunata Nazionale Alpini a Trento. Qui di seguito un articolo dedicato a Gino Vatri, personaggio di spicco tra gli Alpini in Canada.

TORONTO – Gli incontri degli Alpini sono un punto fermo nella vita di Gino Vatri. Appuntamenti che sono il leitmotiv della sua esistenza da oltre mezzo secolo. «Ho partecipato alla mia prima adunata a Udine nel 1983, allora ero presidente della sezione di Toronto e capogruppo di Toronto, cariche che ho mantenuto per molti anni – dice Gino Vatri di ritorno dall’Adunata di Trento – sempre nel 1983 sono stato eletto a Sudbury presidente della Commissione Intersezionale A.N.A Canada più tardi diventata del Nord America».

A qualcuno però questa carica non andava a genio per cui, spiega Vatri, è stata cambiata in “coordinatore per il Nord America”: «Sull’indirizzario ANA sono il coordinatore per il Canada e sono inoltre registrato come presidente della sezione Alpini di Toronto mentre da gennaio sono nuovamente il capogruppo del gruppo Alpini di Toronto».

Basta ascoltarlo parlare degli Alpini per vedere una luce nei suoi occhi tanta è la passione che ci mette e che lo ha sempre accompagnato nella sua vita. È lampante che Gino Vatri ama quel che fa, ama coltivare e mantenere vivi i valori che caratterizzano le Penne Nere: generosità, solidarietà, senso del dovere. «Chi è stato alpino da giovane, lo rimane per tutta la vita», ripete spesso Vatri.

Vatri vive a Toronto ma ha sempre la valigia pronta. Una festa qui, un convegno là, una serata tra Alpini ancora più lontano, Gino che è anche il vicepresidente della Federazione delle Associazioni d’Arma e di Polizia Italiane dell’Ontario (Veteran Federation of Italian Army & Police Associations of Ontario) della quale è socio fondatore, non dice mai di no.

«Finora ho preso parte a tutti i Congressi Intersezionali degli Alpini – dice con orgoglio Vatri – quello del prossimo anno, il XX, si terrà proprio qui a Toronto».

In tutti questi anni Gino Vatri non è mai stato solo nei suoi innumerevoli viaggi perché la moglie, Santa Borean, lo ha sempre accompagnato con piacere.

«Santa mi segue da oltre 47 anni, 50 anni se contiamo il periodo prima di sposarci quando la portavo alla York Centre Ballroom dove gli Alpini di Toronto organizzavano le loro feste – dice Vatri con una leggera inflessione che tradisce le sue origini friulane – lei è arrivata in Canada nel 1956 per ricongiungersi con la famiglia al padre che non vedeva da 5 anni. Anche quando era molto impegnata con l’insegnamento trovava il modo di venire con me, sia che si trattasse di una cittadina vicina a Toronto che di volare in Italia. Posso dire che ha condiviso con me questo mio profondo attaccamento agli Alpini e di questo le sono profondamente grato».

Gino Vatri è un vulcano in eruzione, sempre in movimento, sempre impegnato a fare qualcosa con gli Alpini. Sono eventi questi, che corredati di fotografie, poi pubblica nel suo “Alpini in Trasferta”: «Sono il direttore di questo giornale dal 1985 – spiega Vatri – ho partecipato anche a diversi Convegni della stampa alpina, l’ultimo dei quali a Trieste. Il mio intervento è stato segnalato dal giornale “La più bela fameja” della sezione di Pordenone».

Le soddisfazioni non mancano a Vatri che sente una passione e una spinta naturale verso tutto ciò che ha a che fare con gli Alpini. «È naturale per gli alpini aiutare chi ha bisogno, senza fare chiacchiere ma con gesti concreti… il motto del 5° Reggimento Alpini: è infatti “Nec videar, dum sim”, essere mai apparire!». (Alpini in trasferta, luglio 2018 /Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform