direttore responsabile Goffredo Morgia
Registr. Trib. Roma n.338/2007 del 19-07-2007
INFORMAZIONI DEL GIORNO – NEWS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO

Gibuti: la Base Militare Italiana a supporto dell’Agenzia nazionale disabili

DIFESA

Gli specialisti della BMIS terminano progetto di ristrutturazione della sede dell’Agenzia

GIBUTI – Il team di specialisti della Cellula CIMIC (Cooperazione Civile Militare) in forza alla BMIS (Base Militare Italiana di Supporto di Gibuti) ha portato a termine il progetto di ristrutturazione della sede dell’Agenzia Nazionale delle persone disabili (A.N.P.H.).

I lavori sono stati svolti con il supporto di una ditta di costruzioni locale che ha ultimato gli interventi infrastrutturali nelle modalità e nelle tempistiche previste dalla progettualità del contingente nazionale per l’anno 2021, garantendo così all’Agenzia di poter disporre di ambienti più confortevoli e privi di barriere architettoniche, per poter sviluppare le proprie attività in sede, volte a fornire assistenza alle persone con disabilità: corsi di formazione professionale, sessioni di visite mediche e accesso ai servizi sociali di base.

Il 21 giugno scorso, alla presenza del Comandante della BMIS, Colonnello (AM) Luigi BIGI, del Sindaco della città di Gibuti, Madame Fatouma Awaleh e del Consigliere Tecnico del Ministero Affari Sociali e della Solidarietà, Signor Abdillahi Said, si è tenuta la cerimonia di riconsegna dei locali ristrutturati dai vertici dell’Agenzia alla presenza del Direttore Generale ed il Presidente dell’ANPH.

Il progetto della Cooperazione Civile e Militare (CIMIC), inserito nel piano annuale di sostegno all’ambiente civile, in relazione allo specifico settore delle “Minoranze/Gruppi vulnerabili”, ha avuto come obiettivo quello di dare un impulso al miglioramento delle condizioni di vita delle persone diversamente abili che vivono nella Capitale di Gibuti, rendendo la struttura dell’Agenzia sempre più rispondente alle esigenze delle persone con esigenze speciali.

Alla presenza della televisione di stato, nel corso della cerimonia il Comandante della BMIS ha dapprima ringraziato le Autorità per l’ospitalità, l’amicizia e la vicinanza che costantemente dimostrano al personale del contingente italiano presente a Gibuti, per poi rivolgere parole di grande ammirazione per le attività assicurate dall’Agenzia.

Il sostegno che il contingente nazionale fornisce per la realizzazione di importanti progetti come quello che ha riguardato l’ANPH, ha sottolineato il Comandante della Base, è una concreta testimonianza della vicinanza dei militari italiani alla popolazione gibutiana.

Tra le autorità intervenute, il Direttore Generale Ismael Doualeh Said Mahamoud, ha ringraziato gli italiani per l’impegno ed il contributo offerto nell’ambito di tematiche di grande interesse per la popolazione gibutiana. La cerimonia si è svolta nel pieno rispetto delle procedure previste per il contrasto alla virus COVID-19. (Inform)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Powered by Comunicazione Inform | Designed by ComunicazioneInform